iPhone 7, iOS 8.4, iOS 8.3, iOS 8.2, iPhone 6S e iOS 8: novità questa setttimana

Il più recente aggiornamento scaricabile per iPhone e iPad è l'iOS 8.1.3, ma per gli sviluppatori c'è già la prima beta dell'iOS 8.3.

iPhone 7, iOS 8.4, iOS 8.3, iOS 8.2, iPh


Solo a marzo sarà rilasciata la versione definitiva dell'iOS 8.2 per iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5, iPad Air 2, iPad Air, iPad 4, iPad 3, iPad 2, iPad mini 3, iPad mini 2, iPad mini e iPod touch di quinta generazione. Ma è già disponibile la prima beta dell'iOS 8.3 destinata agli sviluppatori. Fra le novità ci sono possibilità di utilizzare il servizio CarPlay via Wi-Fi, la cancellazione dell'etichetta Beta da iCloud Photo Library e, pensata per i consumatori cinesi, l'opportunità di utilizzare ApplePay attraverso UnionPay.

Fra gli aspetti su cui gli ingegneri di Apple hanno prestato particolare attenzione c'è quello del miglioramento del Siri. Stando ai primi riscontri con la prima beta dell'iOS 8.3, ci sono sensibili miglioramenti nell'esperienza d'uso con l'assistente vocale della società di Cupertino. Tuttavia sembra che almeno inizialmente i progressi siano limitati alla sola release in lingua inglese. Solamente in seguito, come è accaduto con le precedenti release dell'iOS, i miglioramenti approderanno anche su altri mercati, italiano incluso. In ogni caso per verificare la presenza di update software è possibile seguire il percorso Impostazioni Generali > Aggiornamento Software > Scarica e Installa direttamente dal dispositivo oppure collegando il device a un Mac o a un PC via iTunes.

La multinazionale della mela morsicata è poi intenzionata a coinvolgere i suoi consumatori nello sviluppo e nel miglioramento delle prossime versioni del suo sistema operativo mobile. In particolare rilascerà una beta pubblica sia per l'iOS 8.3 e sia per la prossima major release iOS 9 per iPhone 7 (o iPhone 6S). In questo modo gli utenti possono testare parte delle funzionalità introdotte e inviare feedback e commenti. Ovviamente non tutti i possessori di un modello di iPhone compatibile con i software potranno essere coinvolti. Probabile dunque che l'opportunità venga limitata ai primi 100.000 (o forse più) che danno la disponibilità attraverso un programma di iscrizione.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il