BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Istanze Online: docenti, Ata terza fascia aggiornamento, precari,insegnanti Ata.Novità riforma scuola 2015 Renzi e della settimana

Il Miur ha dato il via alla pubblicazione delle graduatorie definitive Ata di terza fascia. Nuovi tagli del personale previsti in Legge di Stabilità e le altre novità




AGGIORNAMENTO: Oltre le novità e ultime notizie sul personale Ata, che potete trovare sotto, Renzi e il Ministro Giannini hanno presentato diverse indicazioni sul prossimo decreto sulla scuola, il cosidetta buona scuola, con riforme e modifiche per assunzioni, merito, stipendi, scatti anzianità, concorsi pubblici, precari.
Li abbiamo visti in questo articolo e in quest'altro qui

Il Miur ha dato il via alla pubblicazione delle graduatorie definitive Ata di terza fascia, data che sarà diversa a livello provinciale, in modo da permettere, come precisato da una nota del Ministero ‘il prosieguo delle attività di acquisizione della domanda di coloro che non hanno presentato l'allegato D3 e rilasciata la prenotazione delle graduatorie definitive. Attività propedeutica alla prenotazione delle graduatorie definitive è la comunicazione, da parte di tutte le scuole della provincia, di aver concluso le operazioni di esame dei reclami’.

Alcuni Uffici Scolastici stanno dunque invitando le scuole a concludere le procedure di valutazione dei reclami e al momento in Campania, nella provincia di Avellino, per esempio, la pubblicazione è in programma per il prossimo 23 febbraio, stessa data valida per la provincia di Ancona, mentre per quella di Ascoli Piceno è fissata al 20 febbraio e per quelli Venezia il 18. Bisognerà però fare i conti con i tagli di circa 2.200 unità del personale previsti dalla nuova Legge di Stabilità. E si attende il nuovo decreto del Miur entro il prossimo 2 marzo.  

Nella sezione di Istanze Online, si può anche usare una applicazione  specifica per visualizzare la propria posizione in ogni istituzione scolastica dove è stata presentata domanda per incarichi Ata. L'applicazione messa a punto dal Miur offre anche una guida di riferimento da consultare nel caso di problematiche di accesso, nella visualizzazione della propria posizione per ciascuna scuola (provvisoria o in alcuni casi definitiva) o accesso al sistema di Istanze Online.

Scade poi il prossimo 15 marzo il termine di presentazione delle domande per chiedere il passaggio da rapporto di lavoro a tempo pieno a part-time per il personale scolastico. La domanda deve essere presentata all’ATP (ex Provveditorati agli Studi) di titolarità tramite il dirigente scolastico della scuola di servizio. Il termine del 15 marzo vale anche per il personale che già in regime di part-time, da almeno due anni, ha intenzione di tornare al regime di lavoro a tempo pieno.

Precisiamo che nella domanda deve essere specificato il tipo di part-time che si chiede, vale a dire se modalità di lavoro in tutti i giorni della settimana con orario ridotto del 50%, o se lavoro solo in alcuni giorni settimanali, che solitamente non sono meno di tre; deve essere riportata l’anzianità di servizio, esigenze di famiglia, precedenze per disabili ecc. Chiaramente la riduzione dell’orario di lavoro con passaggio al lavoro part time comporta anche la riduzione, solitamente del 50%, dello stipendio mensile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il