BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Conti deposito febbraio-marzo 2015: rendimenti, tassi di interesse, vincolati e no, condizioni. I migliori a confronto

Ecco alcune delle offerte più interessanti per conservare i propri risparmi in un conto deposito. I rendimenti sono vincolati alla durata.




I rendimenti dei conti deposito non sono più convenienti come fino a qualche tempo fa. A causa della crisi, infatti, gli interessi sono ridotti ai minimi termini, ma si tratta comunque di uno degli strumenti più vantaggiosi presenti sul mercato anche a febbraio 2015. La tipologia di scelta continua a rimanere ancora molto ampia, anche in relazione all'opportunità di optare per un conto libero o per un conto vincolante. In questo secondo caso, l'operatività è ridotta e non è possibile prelevare il denaro depositato per un periodo che generalmente varia da 3 mesi a 3 anni, ma i rendimenti sono sicuramente più elevati.

Provando a spulciare fra le varie offerte, Deposito Sicuro è il conto deposito di Banca Marche, riservato ai soli clienti dell'istituto bancario. Il rendimento massimo sui depositi vincolanti è pari al 2,40% lordo (24 mesi), quello sul deposito libero (per i primi 4 mesi) dell'1,90% lordo, poi cala all'1% lordo. La capitalizzazione degli interessi è trimestrale. Non ci sono spese di apertura, di gestione o di chiusura, ma l'imposta di bollo è a carico del cliente. Il conto deposito online Conto Arancio di ING Direct propone un rendimento dell'1,40% sulle somme depositate per 12 mesi. Per i risparmi liberi viene riconosciuto il tasso base dello 0,70%.

Conto Italiano di Deposito è la proposta del Monte dei Paschi di Siena. Per la linea Benvenuto con sottoscrizioni superiori a 25.00 euro, si offre un tasso più vantaggioso per le scadenze ovvero del 2% a 12 mesi 2,00% (invece del tasso standard all'1,80%) e del 2,25% a 24 mesi (invece del tasso standard 2,00%). Occorre mettere in conto una ritenuta fiscale sugli interessi pari al 26%. Il conto Webank offre tassi standard allo 0,75% sui vincoli a 3 mesi, all'1% sui vincoli a 6 mesi, all'1,20% sui vincoli a 12 mesi e all'1,25% sui vincoli a 18 mesi. L'imposta di bollo proporzionale dello 0,20% annuo è applicata sul saldo degli importi vincolati alla data di produzione dell'estratto conto in proporzione al periodo rendicontato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il