BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: riforma, interventi, modifiche per rivedere regole Legge Fornero. Alfano apre

Si avvicina il tempo di guardare alle novità necessarie per modificare la riforma pensioni Fornero: anche il ministro Alfano punta a rivedere vincoli e requisiti. Nuove idee




Sel, Forza Italia, dem, minoranze del Pd, insieme a sindacati e personalità ai vertici dell’Inps spingono su interventi di modifica alla riforma pensioni Fornero con novità che sappiano modificare l’attuale sistema previdenziale orientandolo verso una maggiore flessibilità ma anche verso una maggiore sostenibilità. Troppo alta, infatti, come sostenuto da Fmi, Ue e Ocse, la spesa pensionistica italiana, per cui occorre attuare tagli importanti per rendere il sistema più equo e meno caro. Ma ciò che serve è permettere flessibilità in uscita a tutti sia per garantire ai lavoratori di poter lasciare prima il lavoro se non riescono a maturare i rigidi requisiti imposti dalla legge Fornero, sia per rilanciare l’occupazione, soprattutto giovanile.

Si tratta di un fenomeno che in Italia ha già raggiunto proporzioni elevatissime e cui serve mettere un freno. E permettere piani di prepensionamento ai lavoratori più anziani, scegliendo l’applicazione di uno dei meccanismi tra uscita a quota 100, prestito pensionistico o mini pensione, staffetta generazionale e part time, significherebbe creare nuovi posti di lavoro per assunzioni dei più giovani.

Anche il ministro Alfano si schiera dalla parte di nuovi provvedimenti per modificare la riforma pensioni Fornero per renderla meno rigida e ammorbidire i vincoli che propone attualmente.

Intanto, il presidente della commissione Lavoro del Senato Sacconi ha presentato due nuove proposte che vanno ad affiancare quelle di uscita anticipata per tutti e che prevedono agevolazioni e benefici per chi decide di riscattare gli anni di laurea, e nel caso di accordi tra azienda e dipendente sull’uscita anticipata, incentivi all’azienda a continuare a pagare i contributi previdenziale fino al raggiungimento dei normali requisiti pensionistici dei lavoratori che vogliono uscire prima. Secondo Sacconi si tratta di misure “indispensabili per intervenire rispetto a una riforma Fornero ha reso assurdamente rigida l’età di pensionamento”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il