BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma scuola Governo Renzi 2015: novità e misure assunzioni, concorsi pubblici, precari, stipendi, carriera e merito

Il Governo Renzi ha introdotto molte novità, quest'anno, in materia di assunzioni e concorsi pubblici, specialmente per quanto riguarda la carriera all'interno degli istituti scolastici.




Una delle previsioni sul nuove decreto, vede la manovra di assunzione dei precari, che ammontano a circa 120 mila persone, per chiudere definitivamente le graduatorie provinciali ad esaurimento. Si prevede che tutto il processo di assunzione avrà una durata di circa due anni.

Una volta rimosso il problema dei precari, il Governo si concentrerà sulle modalità di assunzione del nuovo personale. Infatti tutte le future assunzioni dovranno avvenire esclusivamente per concorso pubblico. Le nuove assunzioni sono previste a partire dalla fine del 2016.

Per dare maggiore importanza al merito all'interno dell'ambiente lavorativo, inoltre, è previsto l'inseriemnto di scatti di merito affiancati a quelli di anzianità, per l'aumento della posizione retributiva. Questo metodo dovrebbe dare una valenza maggiore alla figura dei docenti, offrendo possibilità di crescita professionale collegata alla meritocrazia.

Gli stipendi saranno quindi suscettibili di aumento, ma tuttavia questa possibilità sarà subordinata alla valutazione del lavoro svolto. Infatti gli scatti reddituali, pari a circa 60 euro ogni tre anni, verranno concessi solo in seguito ad una valutazione positiva da parte del dirigente scolastico.

Anche i dirigenti, inoltre, verranno assoggettati a valutazioni qualitative sull'attività svolta, in modo da garantire una totale trasparenza ed un processo di crescita economica e professionale totalmente in linea con i principi della meritocrazia.

Le novità che potrebbero essere introdotto dal Governo nel prossimo Consiglio dei Ministri, saranno, quindi, tutte volte alla riduzione del precariato e alla valorizzazione del merito all'interno del mondo lavorativo, con l'introduzione dell'obbligo di assunzione tramite concorso pubblico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il