BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni febbraio, marzo, aprile 2015: previsioni analisti. Su quali titoli di stato e corporate bond conviene investire

Quali sono i rendimenti obbligazionari più interessanti? In che modo i piccoli risparmiatori possono migliorare il loro portafogli di investimento?




Dove puntare l'attenzione nel settore delle obbligazioni in questo ultimo scorcio del mese di febbraio 2015 e nei prossimi marzo e aprile 2015? Chi offre i migliori rendimenti? Dove si nascondono le migliori occasioni di mercato? In questo periodo di tassi ridotti al lumicino non è semplice riuscire a trovare la giusta direzione, tuttavia gli analisti invitano a puntare i riflettori su corporate bond high yield, emissioni dei mercati emergenti e governativi periferici dell'Eurozona. Nel primo caso il rendimento è più alto a fronte di un rating decrescente della società di emissione.

Nel caso dei mercati emergenti si segnalano il Kenya, in cui il Prodotto interno lordo è aumentato del 5,5% nel terzo trimestre del 2014 e titoli di Stato 2024 mostrano un'interessante cedola del 6,875%, e la Mongolia: Pil +7%, titoli 2022 con cedola del 5,1%. Ecco poi la Repubblica Dominicana in cui il Pil procede al ritmo +7,1% e i titoli a scadenza 2020 propongono una cedola del 10,5%. Numeri interessanti anche per il Vietnam: Pil +6%, titoli 2024 con cedola del 4,8%.

Poi ci sono i governativi periferici, su cui fare un pensiero nonostante l'instabilità economica della Grecia. Secondo Maria Paola Toschi, market strategist di Jp Morgan Asset Management, "quanto allo scenario macro, l'inflazione resterà bassa a lungo, anche a causa del calo dei prezzi delle commodity e del petrolio in particolare. Inoltre la domanda globale di obbligazioni sarà ancora elevata, anche a causa delle manovre espansive di alcune banche centrali, tra cui Bce e Banca del Giappone".

Invita a diversificare Vittorio Ambrogi, country head di Morgan Stanley Investment Management in Italia, secondo cui occorrerà valutare le conseguenze del Quantitative Easing, la manovra della Banca Centrale Europea per l'immissione di liquidità nel sistema con l'acquisto di titoli pubblici o privati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il