BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia, uomini riforma Governo Renzi: novità iniziative contro pensioni e vitalizi politici. Atto minimo dovuto

La questione dell'abolizione del vitalizio si gioca in punta di diritto, ma in realtà c'è anche un senso di dignità da rispettare. Le ultime notizie.




Non si tratterebbe di una grande rivoluzione nell'ambito della riforma pensioni Renzi, ma la possibile novità dell'abolizione dei vitalizi agli ex parlamentari condannati in via definitiva rappresenta comunque un segnale di attenzione. Da una parte ci sono infatti deputati e senatori che incassano migliaia di euro ogni mese, anche se hanno frodato lo Stato o si sono macchiati dei reati di mafia e corruzione. Dall'altra ci sono milioni di pensionati con assegni al limite (e anche al di sotto) del livello di sussistenza e altrettanti lavoratori che hanno visto allontanarsi il traguardo del congedo.

Tuttavia, nonostante il fronte comune dei presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Piero Grasso, nulla è scontato. Secondo Cesare Mirabelli, ex presidente della Corte Costituzionale, togliere l'assegno pensionistico a un condannato significa comminargli una pena accessoria, che può essere irrogata solo per legge. Più precisamente, "pur ammettendo che si possano toccare retroattivamente diritti previdenziali acquisiti, certamente non trova adeguata giustificazione la completa ablazione o la perdita del diritto pensionistico". Insomma, sono discorsi in punta di diritto che vanno al di là di ogni ragionamento basato sul senso della dignità.

Lo sa bene lo stesso Grasso, secondo cui "non sussiste un divieto di retroattività, che varrebbe ove si trattasse di una sanzione penale accessoria. Quando una condizione di eleggibilità viene meno (che sia la moralità, collegata ad una condanna, o la cittadinanza italiana), cade il presupposto sia per l'esercizio di una carica sia per la percezione di emolumenti che sono collegati ad una carica che non si può più ricoprire. E questo deve riguardare anche i vitalizi e le pensioni". La partita è ancora aperta e si spera che non si trascini per le lunghe come sta accadendo con il dibattito sulla riforma pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il