BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Naspi, Dis Coll, Asdi 2015 e nuovi criteri Isee 2015: indennità, assegno disoccupazione e detrazioni, agevolazioni disoccupati

Cambiano gli ammortizzatori sociali in questo 2015 e cambiano anche gli importi di assegno di maternità e familiari con nuovo Isee: le novità




Venerdì scorso è stato approvato il decreto attuativo del Jobs Act sui nuovi ammortizzatori: da quest’anno, infatti, vecchia indennità di disoccupazione, Aspi e mini Aspi lasciano il posto a Dis Coll,Naspi e Asdi. Vediamo di cosa si tratta e cosa cambia con i nuovi sussidi di disoccupazione. Dal primo gennaio è entrato in vigore il Dis-Coll, nuovo sussidio di disoccupazione per i senza lavoro iscritti alla gestione separata dell’Inps, valido anche per i CoCoPro, collaboratori coordinati e continuativi e a progetto, disoccupati, e si potrà usufruirne fino al 31 dicembre 2015.

Per richiedere il Dis Coll bisogna aver maturato almeno tre mesi di contribuzione nel periodo dal primo gennaio dell’anno solare precedente l’evento di cessazione dal lavoro al predetto evento; o aver maturato un mese di contribuzione nell’anno solare in cui si verifica la cessazione di lavoro; o concluso un rapporto di collaborazione di almeno un mese.

L’importo erogato con nuovo Dis-Coll è pari al 75% del reddito medio mensile nei casi in cui il reddito mensile sia pari o inferiore a 1.195 euro mensili nel 2015 e dura 6 mesi. Per riceverlo, la richiesta deve essere presentata online all’Inps entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. In vigore fino al 30 aprile, l’Aspi dal primo maggio sarà sostituita dalla Naspi, nuova Assicurazione Sociale per l’impiego. Possono richiedere la Naspi i lavoratori dipendenti privati a tempo indeterminato e a termine e lavoratori pubblici assunti a termine.

Per richiederla bisogna aver maturato almeno 13 settimane di contributi negli ultimi 4 anni di lavoro e 18 giornate effettive di lavoro negli ultimi 12 mesi; sarà erogata mensilmente dall'Inps, per una durata massima di 18 mesi e importi massimi di 1.300 euro al mese.  Esaurita la Naspi, se il lavoratore sarà ancora disoccupato potrà chiedere l’Asdi, nuovo Assegno di disoccupazione, che durerà altri sei mesi, prevede l’erogazione di un assegno di importo pari al 75% dell’ultimo assegno Naspi, e per riceverlo bisognerà aver maturato almeno 3 mesi di contributi dal primo gennaio dell'anno precedente o un mese nell'anno in cui si perde il lavoro.

Novità da quest’anno anche per quanto riguarda il nuovo Isee 2015 che si arricchisce di nuove informazioni sul nucleo familiare da inserire e che, tra le principali novità, prevede che venga riportato non più il saldo finale del proprio conto corrente ma la giacenza media annua. E cambiano gli importi e le soglie dell'assegno per il nucleo familiare e per l'assegno di maternità erogati dall’Inps. L’Istituto ha diffuso una circolare ufficiale in cui spiega che questi cambiamenti sono stati determinati dal nuovo l’Indicatore della Situazione Unica Equivalente e precisa, con riferimento al 2013, che gli importi degli assegni per nuclei familiari con almeno tre figli minorenni e degli assegni di maternità saranno erogati se di dimostra un Isee inferiore a 8.446 euro e a 16.737 euro. Questa novità, precisa l’Inps, vale per le domande presentate dal primo gennaio 2015, e per quanto riguarda l’assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minorenni concesso dal Comune, l’importo è pari a 141,02 euro, mentre per l’assegno di maternità è di 338,21 per cinque mensilità.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il