BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Istanze online: salta decreto scuola assunzioni e concorso pubblico, bonus stipendi. Continua aggiornamento graduatorie e mobilità

Novità graduatorie Ata e assunzioni probabili in nuova riforma della Scuola: l’annuncio del ministro Giannini e possibili modifiche




AGGIORNAMENTO: Salta il decreto scuola di oggi martedì nel Consiglio dei Minsitri del Governo Renzi del 3 Marzo 2015 e, quindi, il concorso pubblico, l'assunzione dei precari e non, il bonus su stipendi, carriera e merito. Tutte le ultime novità in questo articolo al seguente link

Il Miur ha dato il via alla pubblicazione delle graduatorie definitive Ata di terza fascia e dopo la pubblicazione delle graduatorie, scatterà la possibilità di inviare i reclami. Per le assunzioni del personale, bisognerà, però, fare i conti con i tagli di circa 2.200 unità previsti nella nuova Legge di Stabilità. Una volta definita la graduatoria, si potrà visualizzare punteggio e posizione semplicemente entrando nella sezione Istanze Online. Le assunzioni del personale Ata rientreranno nella nuova riforma della scuola, come ha assicurato il ministro Stefania Giannini, in risposta ala sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per la reiterazione dei contratti a tempo determinato.

La Giannini avrebbe detto: “Nella Buona scuola ci sono misure interessanti che riguardano la formazione e l'inserimento anche di chi fa funzionare le scuole, cioè il personale Ata, quel mondo fondamentale tanto quanto quello degli insegnanti, che saranno una piacevole sorpresa per il personale Ata e attendiamo ora novità dal prossimo Consiglio dei Ministri in cui si discuterà della nuova riforma della Scuola.

Scade inoltre il 15 marzo il termine di presentazione della domanda per il passaggio da rapporto di lavoro a tempo pieno a part-time per il personale scolastico. Chi decidesse di ridurre il proprio orario di lavoro, andando chiaramente incontro anche un taglio dello stipendio mensile, dovrà inviare domanda all’ATP (ex Provveditorati agli Studi) di titolarità tramite il dirigente scolastico della scuola di servizio.

Sempre il 15 marzo scade di presentazione della domanda da parte del personale già in part-time, da almeno due anni, e che vuole tornare al regime di lavoro a tempo pieno. Diverso, invece, il calendario per la presentazione delle domande di mobilità che devono essere presentate attraverso il servizio Istanze online e per i docenti devono essere inviate tra il 26 febbraio e il 16 marzo mentre per il personale tra il 18 marzo e il 15 aprile prossimi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il