BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Consiglio dei Ministri: novità e misure ufficiali riforma decreto scuola slitta, Fisco, Adsl oggi martedì 3 marzo 2015

Rinviato a martedì 3 marzo il Consiglio dei Ministri in cui si discuterà di riforma della Scuola, nuovo decreto fiscale ma anche nuova riforma del catasto e banda larga: le novità




AGGIORNAMENTO: Stando alle ultime novità e notizie nel Consiglio dei Ministri di oggi dovrebbe slittare il decreto scuola e le misure del fisco come la fattura elettronica, lo scontrino e la tracciabilità dei contanti. Rimane confermato a quanto sembra il piano sull'Adsl. Per le ultimissime notizie, potete leggere questo articolo

E’ stato rinviato da venerdì 27 febbraio al prossimo martedì 3 marzo il Consiglio dei Ministri in cui si discuterà di riforma della Scuola, nuovo decreto fiscale ma anche nuova riforma del catasto e banda larga. Al vaglio del Consiglio dei Ministri di martedì 3 prossimo, infatti, il piano del governo per lo sviluppo della rete a banda larga in Italia che prevede nuovi investimenti per 5-6 miliardi. Lo scorso novembre il governo aveva già presentato per la consultazione pubblica il documento sulla strategia italiana per la banda ultralarga dopo averlo proposto a Bruxelles.

Il testo prevede entro il 2020 la copertura per l'85% della popolazione con connettività di almeno 100 mbps e per il restante 15% almeno 30 mbps e si parlava di investimenti per 6 miliardi di euro pubblici e 2 miliardi privati. Si riprenderà anche la discussione su riforma del catasto e nuove misure fiscali, dalla fatturazione elettronica, alla super tassa sui giochi e al ruling internazionale. Il nuovo decreto fiscale prevede, tra le altre misure, l'obbligo di entrata in vigore dal prossimo 2017 della fatturazione elettronica e il graduale abbandono dello scontrino di carta. lIlpremier Renzi ha precisato che questo nuovo obbligo riguarderà anche la Gdo (supermercati, ipermercati, discount, ecc.) e tutti i soggetti sul mercato con i distributori automatici.

Sarà potenziato l’uso del Pos per chi emette esclusivamente ricevute e l’adeguamento tecnologico sarà sostenuto dall'erogazione di un credito d'imposta, soprattutto per soggetti più piccoli come i commercianti al minuto. L’entrata in vigore dello scontrino digitale porterà alla cancellazione dell'obbligo di registrazione e tutti i dati confluiranno in una sorta di cassetto fiscale del contribuente. Il processo di digitalizzazione si concluderà con l'obbligo di trasmissione dei dati delle fatture emesse, di quelle rettificative, e delle fatture ricevute, e debutteranno le e-fatture, le fatture elettroniche ennesimo strumento per contrastare l’evasione fiscale. Tra le altre norme, novità per vendita dei medicinali di fascia C al di fuori delle farmacie, tagli per i notai, ma anche nuovi bonus maternità per le donne lavoratrici autonome con partita Iva.

C’è poi la riforma della Scuola, punto cruciale del CdM di martedì prossimo, che dovrebbe apportare significativi cambiamenti all’assetto e andamento della scuola in Italia. Le novità principali riguardano l’assunzione di circa 150mila precari della scuola, a partire dal prossimo settembre 2015, per cui il ministro dell’Economia Padoan ha assicurato ci sono le risorse economiche necessarie; ma anche novità per quanto riguarda la formazione dei docenti, per criteri di valutazione in base alla meritocrazia, per scatti stipendiali, per potenziare l’insegnamento di alcune materie e il piano di alternanza scuola-lavoro per favorire l’ingresso del mondo del lavoro degli studenti degli istituti tecnici e professionali.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il