BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: chi lo riceve, quando e cosa fare. Tutte le scadenze da rispettare

Il 730 precompilato è la sua dichiarazione ai fini fiscali, che contiene già i dati del contribuente ed il conteggio delle imposte dovute. Dal 15 di aprile l'operazione verrà svolta in automatico.




Sarà l'Agenzia delle Entrate, infatti, ad occuparsi della compilazione dei dati della dichiarazione dei redditi, inserendo, per ciascun contribuente, il totale della base imponibile, le imposte da pagare e i rimborsi eventualmente maturati.

Il lavoratore dovrà semplicemente integrare le informazioni che dovessero risultare mancanti e provvedere all'inserimento di alcuni tipi di detrazioni, come quelle sanitarie che per quest'anno non sono ancora presenti nel 730 precompilato.

La data di partenza del nuovo modello sarà il 15 aprile del 2015, momento in cui verranno resi disponibili i 730 precompilati per tutti i lavoratori dipendenti, i parasubordinati ed i pensionati che hanno presentato il 730 nel 2014 o che avevano i requisiti per farlo.

Sarà possibile consultare la dichiarazione direttamente sul sito dell'Agenzia delle Entrate, o in alternativa, per chi non fosse in possesso delle credenziali di accesso, è possibile recarsi presso un centro di assistenza fiscale.

Saranno presenti tutte le informazioni fiscali utili al contribuente, come i redditi da lavoro e da pensione e le eventuali detrazioni per familiari a carico. Sono già presenti anche gli eventuali crediti d'imposta e le detrazioni per ristrutturazioni edilizie.

Per farsi riconoscere le detrazioni per le spese sanitarie, sarà necessario chiedere un'integrazione al modello 730. Tale integrazione può essere sempre effettuata tramite il sito dell'Agenzia o tramite un CAAF. Occorre sempre, comunque, verificare che nel modello precompilato siano presenti tutti i redditi percepiti durante il periodo di imposta.

Se il modello precompilato risulta essere veritiero e non necessita di integrazioni, il contribuente può accettare direttamente la dichiarazione, specificando solamente la destinazione del 2 e dell'8 per mille del proprio IRPEF.

Il termine per presentare delle modifiche al 730 è fissato al 7 Luglio del 2015, data entro la quale dovranno essere fatte presenti all'Agenzia delle Entrate tutte le mancanze della dichiarazione. Successivamente verranno effettuate le correzioni e sarà presentata la nuova dichiarazione al contribuente.

In caso di accettazione senza modifiche, il soggetto non sarà soggetto a controlli, fermo restando la possibilità di accertamenti su possibili redditi non presenti nel modello. Se invece vengono richieste detrazioni che non erano presenti nel modello originale, potrà essere richiesta negli anni successivi la presentazione della prova di tali diritti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il