BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma scuola Governo Renzi: le novità e le prospettive assunzioni, concorso pubblico, precari, bonus carriere dopo Cdm

E' in programma per oggi, martedì 3 marzo, alle 18:30 il nuovo Consiglio dei Ministri in cui si discuterà di riforma della Scuola e piano per lo sviluppo della banda larga in Italia: le novità




AGGIORNAMENTO: Come tutti voi sapranno il Consiglio dei Ministri non ha deciso nulla sulla scuola. Ora le novità e le ultime notizie sul decreto o disegno di legge sullle assunzioni, precari, concorso pubblico e aumento stipendi per merito e carriera le abbiamo viste in questo articolo

E' in programma per oggi, martedì 3 marzo, alle 18:30 il nuovo Consiglio dei Ministri in cui si discuterà di riforma della Scuola e piano per lo sviluppo della banda larga in Italia. rimandato invece il pacchetto con le misure fiscali che erano state rimandate ad oggi già dallo scorso CdM e potrebbe slittare anche il piano di assunzione dei precari della scuola. Si tratta del provvedimento che avrebbe dovuto essere contenuto in quel decreto che in realtà è stato cancellato ed oggi in discussione ci sarà solo il ddl. Secondo quanto previsto, con il solo ddl non si farà in tempo a far scattare quel piano assunzioni che era in programma per il prossimo settembre.

Resta, tuttavia, l’intenzione di indire nuovi concorsi ogni anno per l’assunzione di nuovi docenti tramite selezione: il piano Renzi-Giannini da qui al 2018 dovrebbe essere, infatti, quello di aprire a 60mila nuove assunzioni tramite concorso a cattedre. L’intenzione del governo è di stanziare un miliardo di euro per l’anno in corso e 3 per ciascuno dei prossimi per la stabilizzazione di 120mila.

Per i precari, prende forma anche l’ipotesi di un indennizzo, che potrebbe andare da 2 a 10 mensilità a seconda dell’anzianità. Tra le altre misure attese, nuovi piano di formazione per docenti, potenziamento dell’insegnamento di alcune materie come musica, lingue straniere, storia dell’arte, nuovi piani di intervento per la messa in sicurezza dell’edilizia scolastica, nuovi criteri di meritocrazia per premiare gli insegnanti più bravi.

Al vaglio del Consiglio dei Ministri di oggi anche il piano di sviluppo della rete a banda larga in Italia che prevede nuovi investimenti per 5-6 miliardi. Già lo scorso novembre il governo aveva presentato per la consultazione pubblica il documento sulla strategia italiana per la banda ultralarga dopo averlo proposto a Bruxelles.  Il testo prevede entro il 2020 la copertura per l'85% della popolazione con connettività di almeno 100 mbps e per il restante 15% almeno 30 mbps e si parlava di investimenti per 6 miliardi di euro pubblici e 2 miliardi privati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il