BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: quota 100, contributivo,prestito per chi, quando e come secondo tutti ultimi eventi

Novità previdenziali e possibili interventi sulla riforma pensioni Fornero ancora rimandati: quando e cosa cambierà realmente?




Nuove possibilità per gli aderenti ai fondi della previdenza complementare di andare in pensione prima purchè siano disoccupati da due anni e a cui manchino dieci anni al raggiungimento dei requisiti pensionistici necessari; revisione dei requisiti pensionistici, da rendere più morbidi e flessibili, per i lavoratori del settore edilizio da considerare usuranti, come proposto da Luigi Bobba; e nuove aperture a modifiche alla riforma pensioni da parte del ministro del Lavoro Poletti che ha ribadito l’intenzione di intervenire con una nuova legge universale, ma qualche giorno fa l’ennesimo dietrofront.

Poletti ha lasciato intendere che non è questo, ancora, il momento migliore per modificare le pensioni in Italia ed è probabile che nuovi interventi slittino alla prossima Legge di Stabilità con nuove discussioni su nuove eventuali proposte a partire dalla prossima estate.

E mentre tra le proposte in discussione continuano ad esserci quei piani di uscita anticipata per tutti, tra uscita a quota 100, prestito pensionistico o mini pensione, sistema contributivo, potrebbe slittare all’estate anche la discussione sul ricalcolo contributivo proposto dal presidente dell’Inps Tito Boeri, per l’applicazione di un prelievo di solidarietà sulle pensioni più ricche risultato, in parte, del vecchio sistema contributivo.

Intanto, tra le possibilità di pensione anticipata, quella più fattibile sembra ancora essere quella del prestito pensionistico, che non richiederebbe risorse aggiuntive e che non toccherebbe età e contributi della riforma Fornero, nonostante esponenti politici come Cesare Damiano, Cuperlo e il sottosegretario Baretta rilanciano sull’uscita a quota 100, per permettere al lavoratore di decidere l’età in cui andare in pensione purchè la somma tra età anagrafica e contributiva dia 100.

Resta comunque ancora da chiudere la questione dell’opzione donna, la cui proposta di Sel al Milleproroghe per la proroga al 31 dicembre 2016 della possibilità di uscita per le donne lavoratrici con l’opzione contributivo è stata bocciata, e ancora senza risposta dall’Inps. Restano da risolvere anche i casi esodati e quota 96 della scuola e ministro Poletti e presidente Boeri sono d’accordo sull’idea di una soluzione universale per tutti, non come sta accadendo, per esempio, in alcune Regioni che stanno permettendo prepensionamenti ai loro dipendenti pubblici, e annuncia probabili novità nella prossima Legge di Stabilità, spiegando che bisognerà definire una soluzione ad hoc anche per gli esodati.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il