BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato e Certificazione Unica:pensionati, dipendenti, professionisti. Istruzioni, regole. Cosa bisogna fare

Nuovo modello 730 precompilato per lavoratori dipendenti e pensionati e nuova Cu 2015 anche per i lavoratori autonomi: come funzionano le novità




Dal prossimo 15 aprile lavoratori dipendenti e pensionati riceveranno il nuovo Modello 730 precompilato che sarà definito grazie a dati e informazioni contenute nelle nuove Certificazioni Uniche 2015. Si tratta delle nuove dichiarazioni che da quest’anno sostituiscono il vecchio Cud, che i lavoratori dipendenti devono già aver ricevuto ieri, lunedì 2 marzo, e che entro il 9 marzo Consulenti del Lavoro e sostituti di imposta dovranno inviare all’Agenzia delle Entrate. La novità rispetto al vecchio Cud è che la nuova Cu 2015 non vale solo lavoratori dipendenti e pensionati ma anche per i lavoratori autonomi che per la dichiarazione dei propri redditi usano il modello Unico.

La nuova Cu contiene non solo i redditi e i dati relativi agli acconti fiscali già versati, ma anche i dati sui familiari a carico, le detrazioni alle quali si ha diritto ed eventuali crediti d'imposta. L'invio di questa certificazione riguarda tutti i soggetti che hanno effettuato prestazioni di lavoro di qualunque tipo e hanno subito ritenute d'imposta con versamento a carico del datore di lavoro. La Certificazione Unica è composta di due sezioni: una dedicata ai redditi da lavoro dipendente e assimilata e l'altra per i lavoratori autonomi e per i redditi diversi. La prima sezione per lavoro dipendente contiene informazioni e dati di base come redditi di lavoro dipendente e da pensione, contributi previdenziali e assistenziali Inps, ritenute effettuate dal datore di lavoro e la novità della sezione dedicata alla gestione del bonus Irpef di 80 euro mensili.

La novità riguarda, dunque, i dati anagrafici e fiscali di coniuge, figli e gli altri familiari a carico  per i quali sono state riconosciute le detrazioni per carichi di famiglia. Vengono, inoltre, riportati nel modello anche tutti i dati riferiti ai contributi previdenziali, compresa la previdenza complementare, ossia i versamenti ai fondi pensione effettuati tramite datore di lavoro, e i pagamenti di eventuali  indennità di fine rapporto o altre indennità assoggettate a tassazione separata.

Passando alla sezione per gli autonomi, dovrà riportare l'ammontare complessivo dei redditi pagati, provvigioni e redditi diversi anche in caso di prestazioni occasionali, inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento d'affari, quando soggetti alla relativa ritenuta. Verrà, dunque, riportato l'importo delle ritenute fiscali effettuate a titolo di acconto a titolo d'imposta.

La nuova Cu può essere richiesta in formato cartaceo o scaricata online, esattamente come accadeva con il vecchio Cud. Per ricevere la Cu in formato cartaceo, si deve presentare la richiesta presso lo sportello dedicato al rilascio del Cud 2015 presente nelle Strutture dell'Inps; rivolgendosi a uno dei servizi Sportello Amici presenti sul proprio territorio; tramite delega firmata ai patronati, Caf o professionisti abilitati che possiedono il Pin e il certificato Entratel; o presso Comuni e altre PP.AA. Abilitate.

Per ricevere il Cud online all’Inps, basta inviare la richiesta all’indirizzo richiestaCUD@postacert.inps.gov.it, allegando una copia dell’istanza digitalizzata firmata e una copia digitalizzata fronte-retro di un documento di riconoscimento valido. Per scaricare il Cud online, bisogna accedere al sito Inps, inserire il proprio Pin nella sezione Servizi al cittadino del portale istituzionale, dove può essere visualizzata e stampata dall’utente.  Infine, per ricevere il Cud in formato cartaceo direttamente al proprio domicilio, bisogna contattare il numero verde 800.434320, comunicare nome, cognome e data di nascita e l’Istituto provvederà all’invio del Cud.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il