Pensioni vecchiaia,donne,anzianità riforma Governo Renzi: novità assegno universale con o al posto quota 100,prestito,contributivo

Non sono meccanismi di uscita anticipata per tutti ma anche un assegno universale sul modello del reddito di cittadinanza del M5S: le nuove proposte del ministro Poletti

Pensioni vecchiaia,donne,anzianità rifor


Nel corso di queste ultime settimane si è continuato parecchio a parlare di possibili modifiche alla riforma pensioni Fornero e di tempi di intervento, annunciando un possibile nuovo decreto previdenziale per il mese di giugno o misure nella prossima Legge di Stabilità. Ma mancano certezze sui tempi così come anche sugli interventi reali. Mentre, infatti, l’attenzione continua ad essere puntata sulla necessità di maggiore flessibilità per tutti, tra uscita a quota 100, sistema contributivo, prestito pensionistico e staffetta generazionale e part time, il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, intervenendo sulle pensioni a Ballarò ha avanzato la nuova proposta dell’assegno universale, che poi tanto nuova non è visto che è già stato proposto tempo fa dal Movimento 5 Stelle.

Ma le novità e ultime notizie riportano un’apertura del governo a questo meccanismo che rappresenterebbe una forma di tutela per coloro che vivono fortemente in difficoltà ma anche per i pensionandi che perdono il lavoro. Il ministro Poletti, ospite ieri sera a Ballarò su Rai 3, ha difeso con forza il Jobs Act del governo Renzi, ha parlato dell’assegno universale e della necessità di intervenire sulla legge pensionistica.
 
E all’idea dell’assegno universale, sostenuta anche dal presidente dell’Inps, Boeri, apre per un confronto anche il M5S. Beppe Grillo ha dichiarato di essere pronto “al dialogo con tutti, anche con il Pd, sul diritto di cittadinanza, sostegno a chi perde il lavoro, a chi non lo raggiunge. Sono 780 euro al mese ma varia a secondo del numero dei componenti familiari”. Grillo spiega che “Bisogna capire che la povertà va affrontata come una malattia non come un reato. Se ci sono proposte, siamo aperti a qualsiasi discussione”.  E sulle coperture necessarie, spiega che i soldi si possono trovare, si potrebbero ricavare, per esempio, dalle spese per gli armamenti, dal gioco d'azzardo e da una patrimoniale che potrebbe colpire le persone che vantano 2-3 milioni di reddito.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il