AOL e Yahoo si potrebbero fondere secondo alcuni analisti economici

Le vicenda di AOL sono abbastanza lontane da noi in quanto ha acquisito il suo valore grazie alla sua attività di provider in America



Secondo un report uscito dalla Merrill Lynch America Online (AOL) potrebbe nel 2007 fondersi con Yahoo!, dopo che in questo anno si sono ripetute voci di acquisizione da parte di Google ed altri, terminate in realtà solo in un acquisto del 5% da parte di Google.

Le vicenda di AOL sono abbastanza lontane da noi in quanto ha acquisito il suo valore grazie alla sua attività di provider in America: in questo ultimo anno ha cercato di mettere un piede nel web 2.0 lanciando AIM Pages, una sorta di clone di MySpace creato per sfruttare la propria mole di utenti registrati; ha acquistato Truveo, un motore di ricerca per cercare video, ha lanciato UnCut, un concorrente per YouTube, e in quest'anno ha visto la luce anche la nuova versione del loro messenger, la cui integrazione con il sistema di Google (come da accordi) è ancora lontana.

Infine non bisogna dimenticare il rilancio di Netscape che da portale è diventato un antagonista di Digg, grazie alle intuizioni di Jason Calacanis, che da un paio di mesi ha lasciato AOL.

L'operazione che vedrebbe Yahoo! acquisire (o fondersi) con AOL presenta un problema per quello che riguarda la forza che hanno entrambi i marchi, ma per il resto rappresenterebbe una occasione per entrambi.

Osservate la tabella riasuntiva del rapporto della Merrill Lynch che elenca i possibili acquirenti di AOL con i relativi pro e contro dell'operazione.

Gli economisti avranno visto lontano o si tratta di una cantonata di fine anno?

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il