BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Certificazione Unica 2015: soluzioni e chiarimenti a domande seppur no proroga scadenza oggi lunedì 9 Marzo da Agenzia Entrate

Novità, informazioni e ultimi chiarimenti per compilazione, invio e annullamento nuova Certificazione unica 2015 per lavoratori dipendenti: nuove Faq da Agenzia delle Entrate




Lunedì 9 marzo scade il termine di invio telematico all'Agenzia delle Entrate della Certificazione Unica relativa ai redditi del 2014 dei lavoratori dipendenti e pensionati e l'Agenzia delle Entrate non ha previsto alcuna proroga nonostante le continue richieste da parte di Consulenti del Lavoro e sostituti di imposta e nonostante la conferma dello sciopero fino al 14 marzo prossimo dei Consulenti del Lavoro. Intanto, sul sito delle Entrate sono disponibili nuove Faq che spiegano e chiariscono dubbi su compilazione e invio delle nuove Certificazioni Uniche 2015, in particolare, in riferimento ai casi dei flussi di invio, di scarto delle Cu e delle modalità per integrare, annullare, correggere e sostituire le Cu inviate.

L’Agenzia delle Entrate ha innanzitutto chiarito che ci saranno tempi più lunghi di invio delle Cu 2015 rispetto alla scadenza del 9 marzo per i lavoratori autonomi e per i lavoratori che percepiscono redditi diversi, precisando che è possibile inviare flussi di invio differenti relative alla stessa tipologia di reddito. Ciò significa che è possibile trasmettere più invii separati, anche per i redditi da lavoro dipendente, purchè nella trasmissione dati venga specificato che si riferisce a eventuali scarti o a singole certificazioni e non all’intero flusso. Se, precisa l’Agenzia delle Entrate, dalla ricevuta di una singola fornitura di Cu risultano scartate alcune Cu, allora bisognerà procedere ad un nuovo invio ma solo delle certificazioni per cui non si è ricevuto alcun protocollo telematico di presentazione dal sistema informatico.

Per quanto riguarda eventuali integrazioni, il sistema telematico dell’Agenzia delle Entrate non permette di integrare Cu già inviate, ma si può eseguire una procedura i sostituzione o di annullamento di una certificazione già trasmessa e accolta, e quindi predisporre una nuova fornitura dati relativa alle certificazioni da annullare o da sostituire.

Per annullare una Cu, invece, il professionista abilitato deve barrare la casella Annullamento, presente nel Frontespizio; quindi compilare una nuova certificazione, riportando solo la parte relativa ai dati anagrafici del contribuente; inserire il valore A nel campo 9 della parte fissa del record D della CU da annullare; inserire il protocollo telematico, attribuito dai Servizi telematici alla singola CU che si intende annullare, nei campi 6 e 7 della parte fissa del record D; e, una volta ricevuta conferma dell’annullamento, ipotrà inviare una nuova certificazione unica, corretta o integrata con il contenuto esatto o mancante.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il