BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità intenzioni Padoan e Renzi dopo proposte, tanti annunci positivi

Le posizioni di premier Renzi e ministro dell’Economia Padoan su interventi riforma pensioni Fornero: novità e ultime notizie della settimana




Convincere l’Ue che attuare interventi sulla riforma pensioni Fornero sarebbe positivo e vantaggioso tanto per risorse economiche nuove che si potrebbero accumulare, quanto per il rilancio dell’occupazione giovanile è l’obiettivo del Governo Renzi per poter cambiare le pensioni. Ma le posizioni in patria di forze politiche e sociali sono discordanti.

Mentre la maggior parte dei partiti continua ad avanzare proposte e novità per cambiare le pensioni, Matteo Salvini continua, fermo, sulla sua trada di voler del tutto abolire la riforma pensioni Fornero e tornare alle vecchie regole pensionistiche, mentre tacciono premier Renzi e ministro dell’Economia Padoan, autorevoli voci da cui invece ci si aspettano interventi che potrebbero essere determinanti.

Non è, però, una novità il silenzio del ministro Padoan che si è sempre detto contrario a modificare la riforma pensioni Fornero, ritenendo che non siano maturi i tempi per cambiarla, che l’Italia non è ancora nelle condizioni di poter permettere l’abbassamento dell’età pensionabile a tutti, e che bisogna lasciare l’attuale legge così com’è visto che è l’unica capace di garantire sostenibilità economica all’Italia. Il silenzio di Renzi è, invece, relativo.

La sua posizione favorevole a modifiche della legge Fornero è ben chiara: il premier, sin dall’inizio del suo incarico, si è dichiarato disponibile a voler cambiare l’attuale legge pensionistica, senza però far venir meno la struttura di una riforma capace di garantire ben 80 miliardi di euro di risparmi fino al 2021.

E il suo silenzio di quest’ultimo periodo è relativo perché la nomina di Tito Boeri presidente dell’Inps appare piuttosto significativa, esplicita della volontà del governo di voler cambiare le pensioni, confermata dal fatto che lo stesso Boeri che durante un’intervista ha dichiarato di aver ricevuto precise garanzie dal premier Renzi per il suo lavoro di modifiche, il che fa ben sperare, in prospettiva, anche se tali interventi potrebbero essere negativi, a partire dal ricalcolo contributivo proposto dallo stesso Boeri, per arrivare a quei tagli e modifiche di baby pensioni, pensioni di reversibilità e di invalidità avanzato dallo stesso Renzi. Sembra dunque che l’intenzione del governo di agire ci sia, anche perché vista l’attuale situazione dei sondaggi, agire sulle pensioni significherebbe riprendere consensi e fiducia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il