BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Istanze Online: nuova indicazioni aggiornamento Ata terza e seconda fascia. E riforma scuola slitta ancora docenti e precari

Sono tante le novità nel mondo della scuola, a partire dal via libera del Ministero dell'Istruzione alla pubblicazione delle graduatorie definitive ATA terza fascia.




Via libera alla pubblicazione delle graduatorie definitive ATA terza fascia. In Ministero dell'Istruzione ha accesso l'attese semaforo verde: "Al fine di consentire il prosieguo delle attività è stata elaborata la procedura che attribuisce d'ufficio la scuola che ha acquisito la domanda a coloro che non hanno presentato l'allegato D3 e rilasciata la prenotazione delle graduatorie definitive". La tempistica a livello provinciale dipenderà dal numero dei ricorrenti: "Attività propedeutica alla prenotazione delle graduatorie definitive è la comunicazione, da parte di tutte le scuole della provincia, di aver concluso le operazioni di esame dei reclami".

La bozza del provvedimento governativo sulla scuola prevede 100.000 assunzioni subito, 18.000 assunti per un anno e poi concorso ad hoc e concorsone 2016 per 60.000. Alle elementari è previsto l'insegnamento di una materia in lingua inglese, più musica, educazione fisica e alla cittadinanza; alle superiori arte in primo liceo, arte-territorio nei tecnici; nel primo biennio diritto, economia nel secondo. L'alternanza scuola-lavoro nel triennio dei tecnici sarà di 400 ore, 200 ore nell'ultimo triennio liceale. Stage e tirocini varranno per la maturità. Il curriculum dello studente comprende i voti di tutta la carriera scolastica, ma anche attività musicali, di volontariato: varrà per la maturità.

Via alla scuola digitale: logica e pensiero computazionale, utilizzo dei dati, educazione ai media, artigianato digitale. Nasce la carta dello studente per accedere a servizi culturali, di mobilità e tecnologici: avrà valore di pagamento se vorranno i genitori. In questo contesto è arrivato un appello da 44 deputati di partiti diversi della maggioranza a sostegno del "pluralismo e della libertà di educazione". In altri termini il documento pubblicato dal quotidiano dei vescovi Avvenire chiede di sostenere le scuole paritarie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il