BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Anticipo TFR: come fare domanda, chi e quando. Scadenza, modelli e documenti. Vantaggi, svantaggi e tassazione

Una delle novità introdotte dal Governo con la Legge di Stabilità del 2015 è la possibilità per il lavoratore di richiedere l'accredito del TFR direttamente in busta paga.




Questa operazioni merita di essere correttamente valutata, innanzitutto, dal punto di vista della tassazione. Se infatti, riscuotendo la liquidazione alla fine del rapporto lavorativo, questa verrà tassata con aliquota separata, ricevendola in busta paga sarà assoggettata a tassazione ordinaria che, ovviamente, risulta essere maggiore.

La misura partirà nel 2015 ma verrà per il momento, erogata in via sperimentale fino al 2018. Esistono, tuttavia, dei requisiti minimi che dovranno essere rispettati per poter effettuare la domanda. Il lavoratore, infatti, dovrà essere dipendente presso la medesima azienda da almeno otto anni e, comunque, non potrà essere erogato più del 70% della somma maturata.

Nello specifico l'operazione richiede che il datore di lavoro chieda ad un istituto di credito l'anticipazione della somma da corrispondere al lavoratore. La somma, poi, verrà restituita alla fine del rapporto lavorativo, con le stesse modalità previste per le azienda, in questo modo si cerca di non creare un aggravio eccessivo per la situazione finanziaria delle imprese.

Inoltre la banca che concederà il credito, sarà garantita da un apposito fondo istituito dall'INPS, che servirà a coprire quelle situazioni in cui l'azienda si mostrerà insolvente. Per quanto riguarda le imprese, inoltre, esse dovranno ottenere un'apposita certificazione da parte dell'INPS, tuttavia non saranno gravate in alcun modo dall'operazione in oggetto.

Il lavoratore che abbia maturato i requisiti sopra esposti, potrà effettuare la domanda per ricevere il tfr anticipato in busta paga, tuttavia occorre considerare che i redditi più alti saranno svantaggiati, proprio in funzione dell'aliquota di imposta applicata. L'aliquota ordinaria, infatti, essendo maggiore di quella separata, tenderà ad erodere maggiormente i valori più alti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il