Gli italiani sono gli europei che possiedono più auto a testa

Poeti ma soprattutto viaggiatori gli italiani si guadagnano ancora una volta il titolo di 'più motorizzati d'Europa'



Poeti ma soprattutto viaggiatori gli italiani si guadagnano ancora una volta il titolo di "più motorizzati d'Europa". I risultati dell'indagine Autopromotec, Osservatorio conosciuto per l'omonima rassegna internazionale di attrezzature, prodotti e servizi per l'assistenza ai mezzi di trasporto, rileva che il 58% degli italiani detiene almeno un autoveicolo.

Non mera "auto" - gratificazione spinge 58 italiani su 100 a ricorrere ad un autoveicolo, bensì una serie di "sventurate" concause, prima tra tutte l'inefficienza del servizio di trasporto pubblico che costringe milioni di italiani al "pendolarismo" su strada.
Trattasi comunque di un popolo temerario il nostro che, a fronte di continui aumenti di assicurazioni , tasse e carburante persevera nelle sue scelte di acquisto "motorizzate". Il parco circolante della penisola registra infatti un aumento medio annuo costante di 4.366.061 unità negli ultimi 10 anni, attestandosi a 33 milioni di veicoli motorizzati.

Ed è quindi un "quattro ruote ad ogni costo" lo slogan dell'italiano medio.
L'Adusbef denuncia allarmata che mantenere un veicolo costa più del suo valore effettivo per circa 11 milioni di vecchi modelli ancora circolanti, ma costerà ancora di più con l'entrata in vigore della nuova legge finanziaria.
Il 5,6% delle entrate familiari saranno destinate, secondo le previsioni Adusbef, al mantenimento auto con una media stimata di spesa pari a 4.071 Euro annui (Leggi articolo AutoBlog). Con l'aumento di tasse e accise sui veicoli lo stato dovrebbe guadagnare 65 miliardi di Euro, portando contemporaneamente il 75% delle famiglie italiane con un reddito inferiore ai 20.000 Euro annui all'indebitamento.

A tutto questo si assomma la tanto conclamata liberalizzazione delle tariffe RC Auto che non sembra aver beneficiato i consumatori da 12 anni a questa parte. Sempre secondo un'Associazione consumatori (Altroconsumo) i prodotti assicurativi sarebbero costantemente e inspiegabilmente cresciuti a fronte di una progressiva diminuzione degli incidenti stradali (30% circa), a spese dei giovani neo-patentati che spendono in media 1.200 Euro per l'RC Auto.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il