BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni, Pubblica Amministrazione e scuola assunzioni, Canone Rai e riforma: novità Governo Renzi in agenda

Il governo Renzi è alle prese con molte questioni, fra cui la riforma della pubblica amministrazione che potrebbe avere conseguenze sull'intero comparto delle pensioni.




Sarà questa la settimana delle riforme per il governo Renzi. A giudicare dai tanti faldoni che sono sul tavolo dell'esecutivo sembrerebbe così. Resta da scoprire se fra le novità e le ultime notizie che stanno circolando in queste ore ci sarà spazio anche per la riforma pensioni. Nonostante i tanti appelli al cambiamento, gli ultimi dei quali avanzati dal nuovo presidente dell'Inps Tito Boeri e dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, si procede con molta lentezza. Eppure, come spiegato in questo articolo, le emergenze sono tante, così come le proposte di modifica delle norme contenute nella legge Fornero.

Un passaggio chiave è quello della riforma della pubblica amministrazione, da cui potrebbero derivare conseguenze anche per il comparto privato. Da mercoledì, infatti, è previsto il via alla votazione al disegno di legge delega in commissione Affari costituzionali del Senato. L'obiettivo è ottenere il via libera entro l'estate, ma occorrerà far presto. Sono infatti tanti i punti destinati a far discutere, sia sull'organizzazione degli uffici sa sulla gestione del personale. Come indicato nel Jobs Act, ad esempio, è previsto l'addio al ricorso dei dei co.co.co negli uffici pubblici a partire dal 2017.

Sembra destinata a subire un'accelerazione la riforma del canone Rai. Stando alle intenzioni del governo, per essere soggetti al pagamento sarà sufficienti essere titolari di una utenza elettrica e di un televisore o di PC, smartphone e tablet. Il canone verrebbe inserito nella bolletta della luce per cui l'evasione diventerebbe impossibile. L'importo sarebbe proporzionale all'Isee. Rispetto ai 113,50 euro annuali, la somma media da pagare sarebbe di 80 euro. Come comunicato via Facebook dal premier Matteo Renzi, "in settimana iniziamo l'esame in consiglio dei ministri per chiuderlo velocemente. Poi la palla passa al Parlamento con lo stesso metodo della scuola".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il