BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità necessarie perchè Ue dia approvazione a proposte ipotizzate

Il Governo Renzi si propone di cambiare la riforma sulle pensioni che venne creata dalla Ministro Fornero, utilizzando interventi utili per far passare le modifiche anche in Europa.




Un compito arduo ma necessario si rivela, per il Presidente del Consiglio, quello di convincere anche l'Europa della bontà delle nuove modifiche sulle norme pensionistiche in Italia. Questo perché non è più necessario, oggi, trovare copertura finanziaria per la riforma, ma occorre anche creare il giusto consenso in Europa.

Il prepensionamento con una penalizzazione per il lavoratore, ad esempio, potrebbe essere una misura in grado di creare una maggiore liquidità per le casse dello Stato, permettendo un notevole risparmio di risorse finanziarie nei prossimi anni, con la possibilità di trasmettere anche un impulso positivo alla difficile situazione dell'occupazione giovanile.

Il presidente dell'INPS, inoltre, ha portato la sua proposta sul ricalcolo contributivo che, a suo avviso, potrebbe permettere una più facile accettazione della manovra anche in Europa. L'elemento principale di discussione, infatti, per l'Unione, sarebbe l'utilizzo di risorse pubbliche per le nuove modifiche sulle pensioni.

Per non utilizzare nuovamente risorse provenienti da fondi pubblici, come il Governo ha intenzione di fare, sono necessarie misure appropriate. Queste misure si definiscono sostanzialmente con due possibilità, continuare un processo di spending review, oppure procedere con il ricalcolo contributivo.

La spending review prevede ancora tagli sulla previdenza, mentre il ricalcolo contributivo ha già ottenuto il veto della Corte Costituzionale ed anche un parere contrario della Corte dei Conti. Nonostante questo, sia il Presidente del Consiglio che il Ministro del Lavoro sono a favore di questo secondo metodo.

Inoltre, essi si dicono anche a favore di una revisione sia delle pensioni fi invalidità, sia di tagli che possano permettere al nostro attuale sistema delle pensioni di essere sostenuto ancora, finanziariamente, nei prossimi anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il