BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma scuola: disegno legge e decreto assunzioni, concorso, bonus stipendi oggi Consiglio Ministri Renzi giovedì 12 Marzo

Arriva un secondo rinvio per l'approvazione del DDL da parte del Consiglio dei ministri; già spostato in precedenza, ora è atteso per giovedì. In tema di scuola si attendono decisioni in merito ad assunzioni e concorso pubblico.




Il Disegno di Legge sulla scuola è uno degli argomenti più discussi delle ultime settimane. Matteo Renzi avrebbe dichiarato, nella giornata di lunedì, che la priorità del Governo è quella di avere un testo definitivo, non di dirimere la questione nel più breve tempo possibile.
Ad ogni modo, questi continui rinvii non lasciano tranquilli soprattutto gli oltre 150 mila precari.
Dopo che, nello scorso settembre, avevano ricevuto parole rassicuranti sulla possibilità di avere un lavoro a tempo indeterminato entro 12 mesi, sono ancora in attesa di risposte. La legge di stabilità è riuscita a stanziare un miliardo, ma non sono state definite le modalità di applicazione. Non è ancora chiaro se il posto spetterà ai precari inseriti nelle graduatorie e che hanno avuto la possibilità di lavorare nell'ultimo quinquennio, oppure alle persone che hanno operato per 36 mesi senza aver mai vinto alcun concorso pubblico.

Permangono dubbi anche per chi è inserito in organico da diversi anni e che non ha idea di come sarà il proprio contratto in futuro. Per tale motivo, molte sigle sindacali hanno deciso di proclamare una manifestazione a livello nazionale del personale scolastico, che si svolgerà l'11 aprile. Le principali critiche che gli stessi sindacati rivolgono al Governo riguardano l'incoerenza tra gli impegni assunti e i provvedimenti adottati successivamente. Inoltre, gli scatti di anzianità sono stati congelati, ed è emersa la volontà di introdurre un sistema basato su premi che dovrebbe portare ad aumenti degli stipendi non prima del 2019.
I sindacati ritengono che la priorità sia quella di rinnovare immediatamente il contratto, in modo da avere certezza sui salari e sulle carriere.

Le ultime indiscrezioni parlano dell'idea di assumere circa 50mila docenti nel settembre del 2015, con le rimanenti assunzioni da rinviare ad un momento successivo all'attuazione della riforma. Inoltre, il Governo sembra intenzionato ad assumere tutti i precari in base a quanto previsto dal piano, una volta che verrà approvata la legge.
In questo ambito, nel caso in cui il Parlamento non riuscisse a procedere all'approvazione in tempi utili, molto probabilmente sarà necessaria l'introduzione di un decreto d'urgenza, che permetta a tutti i precari di essere assunti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il