BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Certificazione Unica e 730 2015 precompilazione: scaduto periodo correzione.No proroga.Ora si passa a scaricare Cud e compilazione

Scade domani, giovedì 12 marzo, il termine di invio della Certificazione Unica da parte di Consulenti del Lavoro e sostituti di imposta all’Agenzia delle Entrate corrette: ultime correzioni




AGGIORNAMENTO: Nessuna proroga, è ufficiale. Ieri è scaduto l'invio della correzione dei modelli Cud. Ora si apre un nuovo periodo per la dichiarazone dei redditi e già, solo pensando al 730 2015 precompilato, ci saranno non pochi problemi, sia di tempi che di dati coem già denunciano Caf e commercialisti

Scade domani, giovedì 12 marzo, il termine di invio della Certificazione Unica da parte di Consulenti del Lavoro e sostituti di imposta all’Agenzia delle Entrate corrette, pena la sanzione di 100 euro prevista per ogni Cu tardiva o errata. Per chi ha inviato il modulo della Certificazione Unica 2015 in tempo ma deve integrarlo o modificarlo, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per modificare eventuali documenti inseriti, “è necessario procedere alla sostituzione o all’annullamento di una certificazione già trasmessa ed accolta, con la predisposizione di una nuova fornitura riservata esclusivamente alle sole certificazioni da annullare o sostituire.”

Per essere valida, la Cu deve innanzitutto riportare il Codice Fiscale corretto del lavoratore, autonomo o dipendente che sia, e esistente presso l’Anagrafe Tributaria e se manca questo secondo requisito il sistema telematico dell’Agenzia delle Entrate scarta in automatico la Certificazione Unica. Per correggere una o più certificazioni errate contenute in un file validamente acquisita dal sistema, basta correggere soltanto le singole Certificazioni uniche errate, e non sarà necessario inviare di nuovo l'intero file.

Per comunicare la correzione, bisogna inviare una Certificazione unica sostitutiva che serve proprio per sostituire la comunicazione già inviata e acquisita dal sistema telematico. Non si possono eliminare o integrare i dati di una certificazione errata, ma bisogna inoltrare una nuova fornitura solo per le certificazioni da annullare o sostituire.

In caso di sostituzione della Cu,m il sostituto di imposta deve barrare la casella ‘Sostituzione’ del frontespizio, impostando con il valore ‘S’ il campo 9 della parte fissa del record D della Certificazione unica da sostituire; bisogna riportare nei campi 6 e 7 della parte fissa del record D il protocollo telematico attribuito dai Servizi telematici alla singola Certificazione unica che si intende sostituire. Se, invece, le Cu sono da annullare, bisogna inviare un modello di annullamento dove barrare la casella posta in alto nel frontespizio del modello, impostando con il valore ‘A’ il campo 9 della parte fissa del record D della Certificazione unica che si intende annullare. Bisognerà poi riportare nei campi 6 e 7 della parte fissa del record D il protocollo telematico attribuito dai servizi telematici alla singola Certificazione unica che si vuole annullare.

Nei casi di errata trasmissione, la sanzione prevista è di 100 euro per ogni singola certificazione non corretta e non saranno soggette a sanzioni solo le Cu inviate oltre la scadenza delle certificazioni contenenti esclusivamente redditi non dichiarabili mediante il modello 730 marzo, vale a dire quelle relative ai lavoratori autonomi che non presentano la dichiarazione dei redditi con modello 730 ma con modello Unico, per cui non servono le Cu per definire il nuovo 730 precompilato.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il