BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità in newsletter ufficiale Renzi con annuncio nuove leggi sociali

Fino a che punto al riforma pensioni Renzi è nella lista delle priorità del governo? Nuovi riferimenti sul sociale via posta elettronica.




Seppur senza entrare direttamente del merito delle proposte e aver fatto un diretto riferimento alla riforma pensione, la questione del sociale è entrata nell'ultimo numero della newsletter spedita dal premier Matteo Renzi. Per ora occorre accontentarsi di questa novità e ci si augura che a breve possa esserci più concretezza rispetto alle ultime notizie sulle pensioni. Il presidente del Consiglio, nel giorno della festa della donna, ha tracciato un bilancio dell'attività delle ultime settimane, soffermandosi, fra l'altro sull'altra faccia della medaglia del welfare ovvero quella riforma del lavoro non da tutti considerata valida.

Renzi ricorda come "in un anno sono aumentati i posti di lavoro, più 134.000. Con le misure della legge di stabilità, zero tasse per chi assume a tempo indeterminato e con la riforma del lavoro (Jobs Act) sarà ancora più facile assumere. Il Jobs Act aumenta le tutele per chi perde l'occupazione, ma soprattutto facilita le assunzioni, con buona pace di chi ha trascinato per mesi una polemica ideologica".

Poi fa un riferimento ai "criticati 80 euro" e alla riforma della pubblica amministrazione: "È una legge delega che introduce molte novità e dovrebbe semplificare il quadro. Nelle prossime settimane date un occhio a ciò che accadrà sull'innovazione". Le misure sul personale pubblico potrebbero avere una conseguenza su quello privato per evitare situazioni di disparità di trattamento.

Certo, c'è da fare i conti con una economia che non cresce. Solo nelle ultime ore è arrivata una nuova doccia gelata sui primi segnali di ripresa. Anche se nei dati dell'Istat che fotografano una industria ancora in affanno - la produzione a gennaio è scesa dello 0,7% rispetto al mese precedente e del 2,2% sul gennaio 2014 - ci sono segnali positivi. Renzi tira in ballo altri fascicoli aperti, dal fisco alla giustizia, dal terzo settore alle infrastrutture, dall'ambiente alla cultura, dalle liberalizzazioni all'università, dal sociale al turismo, e riferisce "che ci stiamo lavorando molto, anche e soprattutto nei settori di cui i media parlano meno. E ribadisco che sul piano dei diritti metteremo la stessa determinazione che abbiamo messo e stiamo mettendo nelle altre riforme".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il