BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità per tutti, dipendenti pubblici e privati in riforma PA in arrivo

Novità e ultime notizie sulla riforma pensioni passano dalle decisioni che saranno assunte sulla pubblica amministrazione italiana.




La riforma pensioni è legata a quella della pubblica amministrazione. Anche se nel testo in esame alla commissione Affari Costituzionali al Senato non ci sono riferimenti diretti a pensioni e prepensionamenti, la questione coinvolge da vicino il personale. Ogni decisione va vagliata con attenzione anche per le ripercussioni che può avere in ambito privato per via della necessità di non produrre disparità di trattamento con il settore pubblica.

Già in esecuzione la norma che prevede il pensionamento forzato dalla pubblica amministrazione per coloro che hanno raggiunto i requisiti richiesti. Il ministro Madia ha infatti firmato la circolare che prevede come "non possono proseguire" i trattenimenti in servizio, che permettevano di restare sul posto di lavoro fino a due anni dopo il raggiungimento dei requisiti richiesti per il congedo. L'intervento è pensato per favorire il ricambio e il ringiovanimento del personale nelle pubbliche amministrazioni. Tuttavia, "in alcune ipotesi l'amministrazione è tenuta a proseguire il rapporto di lavoro con il dipendente e tale prosecuzione non costituisce un trattenimento vietato dalla legge. Ciò si verifica, innanzitutto, quando il dipendente non matura alcun diritto a pensione al compimento dell'età limite ordinamentale o al compimento del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia".

A proposito di pubblico impiego, se nell'ultimo mese dell'anno scorso le retribuzioni sono rimaste ferme per la pubblica amministrazione (come da blocchi disposti per legge), i settori con i maggiori incrementi sono stati quelli delle telecomunicazioni +3,5%, di gomma e plastica +3,3%, di tessile e pelli +2,9%. Nulle, invece, le variazioni del commercio. Negli altri dati sul mondo del lavoro diffusi dall'Istat si scopre che la quota di dipendenti in attesa di rinnovo è del 55,5% nel totale dell'economia e del 42,4% nel privato.

Analoga attenzione va prestata alla forme di sostegno al reddito per gli ex lavoratori privati senza occupazione. Sono sempre i numeri a rivelare l'esistenza di una vera e proprio emergenza. Secondo i dati diffusi dall'Inps la cassa integrazione è in lieve calo, ma le domande di disoccupazione sono in aumento. Anche lo scorso anno si è confermato nero sotto i profili del lavoro e dell'utilizzo degli ammortizzatori sociali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il