BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: con assoluzione Berlusconi e ritorno in campo cosa può cambiare

Silvio Berlusconi festeggia l'assoluzione in Cassazione nel processo Ruby: quali le influenze possibili su modifiche riforma pensioni. Le ultime notizie




Silvio Berlusconi festeggia l'assoluzione in Cassazione nel processo Ruby e si dichiara pronto a tornare in campo e ci si chiede quali possano essere le conseguenze di un suo ritorno sulla questione previdenziali e sulle eventuali modifiche, reali, che potrebbero essere applicate sulla riforma pensioni Fornero.

Il ritorno di Berlusconi potrà dare, certamente, nuovo slancio a Forza Italia, che potrebbe riscuotere ampi consensi visti gli interventi pensionistici allo studio del partito, tra maggiore flessibilità per tutti e aumento degli assegni minimi a mille euro, come del resto lo stesso Berlusconi ha annunciato più volte. Il suo cammino potrebbe essere cruciale e potrebbe riprendere anche un percorso di condivisione con il piano di riforme del premier Renzi.

Renzi, dal canto suo, è riuscito a conquistare un’ampia maggioranza anche con minoranza Pd spaccata, M5S spaccato e Forza Italia spaccata, quindi l'incisività di Berlusconi potrebbe avvenire realmente solo nel caso di nuove elezioni, altrimenti, tutto rimarrebbe ancora nelle mani Pd di Renzi dove ci sono diverse personalità, tra ministro del Lavoro Poletti, Cesare Damiano, sottosegretario Baretta, presidente dell’Inps Boeri, che spingono da tempo su interventi alle pensioni ed è chiaro che, in caso di mancate elezioni, il premier Renzi, dopo tanti annunci, dovrà necessariamente procedere all’approvazione di modifiche, sospinte anche dalle nuove previsioni, ottimistiche, di possibile ripresa, vista la nuova operazione di Qe stabilita dalla Bce.

Si tratta di possibilità di nuove risorse economiche che potrebbero essere impiegate per nuovi interventi sulle pensioni, tra piani di uscita anticipata, aumenti delle pensioni minime, flessibilità per tutti e possibili soluzioni per esodati e quota 96 della scuola, questioni ancora aperte perché finora si è sempre lamentata la mancanza di soldi necessari.

Resta da superare l’ostacolo del ministro dell’Economia Padoan che continua a ribadire la sua posizione di contrarietà a interventi di modifica della riforma Fornero che, a suo parere, sarebbe meglio lasciare ancora così com’è vista la sostenibilità economica che riesce a garantire all’Italia in questo momento di forte crisi finanziaria.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il