BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: come funziona. Scaricare con certificazione Unica nuovo Cud, compilazione e invio. Tutti i passaggi

Dopo l’invio delle nuove Cu 2015 ai lavoratori tutto pronto per l’invio del modello 730 precompilato: come sarà, come accedervi e cosa fare. Informazioni utili




Sostituti di imposta, Consulenti del Lavoro e professionisti abilitati hanno provveduto ad inviare la nuova Certificazione Unica 2015 relativa ad ogni lavoratore ad egli stesso e all’Agenzia delle Entrate . Per lavoratori dipendenti e pensionati, i dati e le informazioni delle Cu serviranno per predisporre il modello 730 precompilato che dal mese di aprile sarà inviato esclusivamente in via telematica a tutti coloro che presentano solitamente la dichiarazione dei redditi con Modello 730. La Cu, a differenza del vecchio Cud, però, da quest’anno vale anche per gli autonomi.

Una volta ricevuto il modello 730 precompilato, per accedervi telematicamente, bisognerà avere il codice di ingresso nei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, o, in alternativa, andare sul sito www.agenziaentrate.gov.it, o telefonare al numero 848.800.444 o agli uffici territoriali delle Entrate. Per accedere ai servizi web delle Entrate ogni contribuente deve essere in possesso delle credenziali Fisconline rilasciate dalla stessa Agenzia o della Carta Nazionale dei Servizi e chi non le ha può consultare il proprio modello 730 precompilato utilizzando le credenziali rilasciate dall’Inps. Una volta nel portale Inps, il contribuente sarà indirizzato all’area del sito internet dell’Agenzia delle Entrate dedicata al 730 precompilato.

Una volta entrati nell’area di consultazione del proprio 730 precompilato, il contribuente troverà modello 730 precompilato e se dovesse riportare qualche errore, si potranno apportare modifiche e correzioni ai dati direttamente online o recandosi presso Caf o altri professionisti abilitati. Il modello 730 precompilato potrà anche essere integrato riportando i dati mancanti ma necessari, per esempio, per detrazioni e deduzioni, spese non tutte riportate sulla Cu.

Molti contribuenti, per esempio, dovranno integrare le informazioni riportate con le spese sanitarie sostenute, che danno diritto a delle detrazioni d'imposta, cioè a uno sconto sulle tasse pari al 19% dei costi sostenuti per l'assistenza medica.  Stesso discorso per le spese sostenute dai contribuenti per l'istruzione dei figli. Terminate integrazioni e correzioni,  si potrà procedere all’invio del modello nuovamente al Fisco, che dovrà avvenire tra il primo maggio e il 7 luglio prossimi.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il