Prodotto per prodotto i singoli aumenti di prezzo dovuti all'euro. Ecco la tabella

Il Corriere della Sera di oggi riporta i risultati di un'indagine del CODACONS relativa alle variazioni di prezzo di molti beni d'uso comune



Il Corriere della Sera di oggi riporta i risultati di un'indagine del CODACONS relativa alle variazioni di prezzo di molti beni d'uso comune. La variazione è stata misurata prendendo i prezzi in lire (convertiti in €) nel 2001 e confrontando con il prezzo dello stesso bene nel 2006 (già espresso in €, ovviamente). I risultati li ho riportati sotto.

PRODOTTI 2001 2006 VARIAZIONE %
ACCENDINO 0.52 1.00 +92.3%
LOTTO GIOCATA MINIMA 0.52 1.00 +92.3%
PENNA A SFERA 0.26 0.50 +92.3%
LAVANDERIA CAPPOTTO 2.58 4.50 +74.4%
DETERSIVO PIATTI 1 L 1.15 1.90 +65.2%
SALE 1 KG 0.47 0.75 +59%
PARRUCCHIERE MESSA IN PIEGA 9.81 15.00 +53%
SIGARETTE 2.17 3.30 +52%
FUMETTI 1.65 2.50 +52%
PIZZA MARGHERITA 3.36 5.00 +48.8%
UOVA CONFEZIONE DA 6 1.09 1.60 +46.7%
RISO 1 KG 1.52 2.20 +44.7%
CANDEGGINA 1 L 0.70 1.00 +42.8%
FARINA 1 KG 0.57 0.80 +40%
JEANS 64.56 90.00 +39.4%
QUADERNONE 1.08 1.50 +38.8%
LIMONI 1 KG 1.37 1.90 +38.6%
SPAZZOLINO DA DENTI 1.81 2.50 +38.1%
OLIO DI SEMI 1.39 1.90 +36.6%
COLLANT 3.31 4.50 +36%
DEODORANTE STICK 2.30 3.10 +34.7%
DETERSIVO LAVATRICE 5.05 6.80 +34.6%
GAMBALETTI 1.38 1.85 +34%
SCATOLETTA GATTO GRANDE 1.14 1.50 +31.5%
CEREALI COLAZIONE 1.83 2.40 +31.1%
BIRRA 0,66 CL 1.03 1.35 +31%
BOLLETTINO C/C POSTALE 0.77 1.00 +30%
BIGLIETTO AUTOBUS 0.77 1.00 +30%
SUPLLÌ (1) 0.77 1.00 +30%
TONNO IN SCATOLA 7.09 9.99 +26.7%
BAGNOSCHIUMA 2.06 2.60 +26,2%
DADO 10 PZ 1.19 1.50 +26%
ASPIRINA 2.79 3.50 +25.4%
SAPONETTA 0.72 0.90 +25%
SCATTO TELEFONICO 0.062 0.078 +25%

E'evidente quindi che gran parte dei prodotti hanno subito un aumento considerevole e in molti casi spropositato, soprattutto per quanto riguarda molti generi di prima necessità, e soprattutto per quanto riguarda quei prodotti che costano poco, e quindi la differenza in valore assoluto si nota di meno.

Questi aumenti non si possono certo giustificare con la sola inflazione. Certo bisogna considerare che il valore di un bene sul mercato è influenzato da una miriade di fattori differenti (costi di produzione, di distribuzione e di esercizio in primis). In certi casi però la percentuale di aumento è talmente elevata da destare perlomeno leciti sospetti sulla trasparenza di questi "aggiustamenti finanziari"

Perchè si continua a dare la "colpa all'Euro" e nessuno invece pensa a controllare le ragioni di questi aumenti? In effetti un'indagine è faticosa. Bisogna andare a spulciare dei dati. Bisogna andare a fare i conti in tasca agli altri. Bisogna far fronte alle prevedibili proteste delle associazioni di categoria.

Tutte cose che nessun governo vorrà affrontare. Molto più facile utilizzare spiegazioni facili e non verificabili: è colpa dell'Euro. L'Euro, questo cattivone antropomorfo con 200 braccia pronte a stritolare gli onesti cittadini che lavorano e pagano le tasse. E'colpa della BCE, degli stranieri. E'sempre colpa degli altri. L'importante è non smuovere le acque in casa nostra.

Per chi legge i quotidiani, consiglio di leggere ll'intervista che oggi è apparsa su Repubblica all’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Uno che di economia se ne intende

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il