BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Eclissi di sole venerdì 20 Marzo 2015 in Italia: quando, dove e come vedere al meglio. Da quale ora inizia e finisce. Consigli

Tutti pronti per quello che si preannuncia un grande evento astrologico in programma venerdì 20 marzo, l’eclissi di sole. Come vederla




Tutti pronti per quello che si preannuncia un grande evento astrologico in programma venerdì 20 marzo: da Milano a Torino, Firenze, Roma si potrà dunque ad assistere ad uno spettacolo della natura di eclissi di sole, anche se dall'Italia si vedrà però un'eclissi parziale. La Luna oscurerà il Sole per qualche minuto nel nord dell’Europa l’eclissi del secolo, come qualcuno l’ha battezzata (o eclissi dell’equinozio), sarà totale e per lunghissimi secondi.

L'eclissi totale si potrà, infatti, osservare solo da latitudini estreme: il percorso della Luna che oscurerà totalmente il sole seguirà la strada dal mare di Norvegia fino al mare di Barents, dall'arcipelago danese alle Svalbard e proprio su quelle isole per qualche minuto in pieno giorno diventerà tutto buio. E scendendo verso sud l'eclissi diverrà parziale.

Per assistere all’eclissi in Italia bisognerà ricordare diversi orari a seconda della posizione geografica della propria città: per esempio, a Roma la Luna inizierà il transito di fronte al Sole attorno alle 9:24, alle 10:31 è previsto il suo massimo e tutto si concluderà alle 11:43. Il consiglio principale durante un evento come questo è sempre quella di non osservare direttamente il Sole, né a occhio nudo, né con binocoli o telescopi perché si rischiano danni permanenti agli occhi.

Un evento analogo si era verificato nel 2006 e la sua totalità era stata raggiunta in Egitto, mentre la prossima con valori così elevati la potremo seguire soltanto nel 2026 e il buio totale sarà in Islanda. Si tratta, dunque, di un evento imperdibile che susciterà curiosità e attenzione non solo da parte di esperti e ricercatori ma anche da parte di tutte le persone che si interrogano sulla magnificenza della natura.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il