BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







730 2015 precompilato Agenzia delle Entrate e INPS: come funziona. Istruzioni e spiegazioni. Come scaricare modello con PIN

Dal 15 aprile prossimo, lavoratori dipendenti, pensionati e non solo riceveranno online il nuovo modello 730 precompilato 2015: come averlo e cosa fare




Dal 15 aprile prossimo, lavoratori dipendenti, pensionati e non solo riceveranno online il nuovo modello 730 precompilato 2015 relativo alla dichiarazione dei redditi 2015 e che può essere visualizzato, scaricato e stampato dal sito delle Entrate direttamente online. Per accedere al servizio Fisconline delle Entrate però è necessario avere un Pin che permetta l’accesso al servizio. Nel caso in cui non se ne fosse dotati, lo si potrà richiedere  o sempre sul sito www.agenziaentrate.gov.it o contattando il numero 848.800.444 o gli uffici territoriali delle Entrate, che forniranno al contribuente uno stampato con un numero di protocollo, la prima parte del Pin code e una password.

Una volta inseriti questi tre elementi,nella sezione Fisconline si riceverà la seconda parte del pin e si potrà accedere a tutti propri dati fiscali, compreso nuovo 730 precompilato. In alternativa, si può accedere al proprio 730 precompilato online accedendo al sito Inps con le proprie credenziali e una volta entrati si verrebbe comunque reindirizzati al sito delle Entrate. lMa oltre che in via telematica, il nuovo 730 precompilato potrà comunque essere richiesto in formato cartaceo, rivolgendosi ad un Caf o al proprio commercialista, anche se da quest’anno si tratta di un servizio per cui bisognerà pagare.

I Centri di Assistenza Fiscale il servizio hanno infatti spiegato che fornire il 730 in formato cartaceo non è più gratuito, considerando le nuove responsabilità cui sono tenuti da quest’anno i Caf stessi. Il modello 7730 precompilato viene preparato dall’Agenzia Entrate per i dipendenti e lavoratori pensionati che hanno presentato il 730 per la dichiarazione 2013 dodici mesi fa, che hanno ricevuto da parte del sostituto d’imposta o dell’azienda per cui lavorano la Certificazione unica sul reddito maturato nel 2014, che hanno ricevuto la Cu pur avendo presentato il modello Unico 2014, e che hanno inviato il 730 per il periodo d’imposta 2014 e i quadri RM, RT, e RW del modello Unico persone fisiche, in riferimento all’anno di imposta 2014.

Il 730 disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate può essere visualizzato sia dai sostituti d’imposta, sia dai Caf, e sia dai professionisti. Una volta visualizzato e scaricato, Caf e sostituti di imposta potranno inserire modifiche e integrazioni necessarie, su spese che non sono state inserite già nelle Cu, per esempio le spese sanitarie che saranno inserite automaticamente nel 730 precompilato solo a partire dall’anno prossimo. Se, invece, il 730 non viene modificato, non sarà sottoposto a controlli fiscali sugli oneri deducibili e detraibili, come interessi passivi sui mutui, oneri previdenziali, assicurazioni, già forniti da banche o istituti di previdenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il