BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5.1.1 dopo 5.1, 5.0.2. 5.0.1: Samsung Galaxy S5, S4, Htc One, Xperia, Nexus 5,4, Lg nuova versione già annunciata

Il nuovo aggiornamento di sistema operativo Android 5.1.1 Lollipop si rivela ora essenziale per via del bug relativo alla gestione della RAM.




I riflettori sono già puntati sul nuovo aggiornamento di sistema operativo Android 5.1.1 Lollipop. Il motivo è semplice: la presenza del cronico problema della gestione della RAM. A essere coinvolti dalla distribuzione del nuovo software saranno quelli della gamma Nexus (Nexus 6, Nexus 5, Nexus 10, Nexus 7 2013 Wi-Fi, Nexus 4, Nexus 7 2012 Wi-Fi, Nexus 9) e i vari Samsung Galaxy S5, Samsung Galaxy S5 Mini, Samsung Galaxy S4, Samsung Galaxy Alpha, Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note 3. Della partita anche HTC One M8, HTC One M7, HTC One Mini, LG G3 e LG G2, e i tanti device Sony Xperia Z, Xperia ZL, Xperia ZR, Xperia Tablet Z, Xperia Z Ultra, Xperia Z1, Xperia Z1S, Xperia Z1 Compact, Xperia Z2, Xperia Tablet Z2, Xperia Z3, Xperia Z3v, Xperia Z3 Compact, Xperia Tablet Z3 Compact.

Ad alimentare la confusione c'è il rilascio in Italia della versione 5.0 Lollipop di Android per Samsung Galaxy Note 3 proprio mentre gli altri smarphone del produttore asiatico stanno direttamente ricevendo gli update correttivi. Sull'ex top di gamma Samsung Galaxy S4 (modello LTE GT-I9505) sta infatti iniziando a fare la sua comparsa la build di Android 5.0.1 Lollipop. Le segnalazioni arrivano per ora dalla sola Inghilterra, ma è verosimile credere nell'avvio del rollout anche negli altri paesi europei, fra cui l'Italia. Per verificare manualmente la disponibilità dell'upgrade di sistema operativo sul proprio dispositivo è sufficiente seguire il percorso Impostazioni > Info sul telefono > Aggiornamenti sistema.

Nel frattempo sono già scaricabili le le factory images di Android 5.1 Lollipop per Nexus 6, Nexus 5, Nexus 10, Nexus 7 2013 Wi-Fi. Fra le novità implementate ci sono il supporto per la seconda SIM e il miglioramento della sicurezza attraverso Device Protection, il servizio che impedisce di sbloccare un dispositivo senza la password dell'account Google collegato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il