BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: quota 100, contributivo,Mini Pensioni affiancate da numerose e nuove proposte legge

Novità pensioni di reversibilità, e di invalidità, risposte proroga opzione contributivo donna, insieme a piani di uscita anticipata: ulteriori novità per modificare la riforma pensioni




Nonostante la contrarietà dell’Ue a cambiamenti sulla riforma pensioni italiana, è ancora decisamente aperta la discussione sulle possibili proposte da valutare per modificare pensioni e sistema previdenziale italiano. Tante le ipotesi in ballo, e ormai da tempo, e tra le novità ed ultime notizie spiccano il nuovo ddl presentato dal deputato Bobba, secondo cui l'urgenza attuale in materia pensionistica è quella di intervenire sulla pensione di reversibilità.

Bobba ritiene che sia indispensabile inserire nella legge pensionistica misure a sostegno del coniuge superstite, che spesso si trova in gravi difficoltà economiche in seguito alla scomparsa del congiunto e propone di modificare la pensione di reversibilità, prevedendo ‘la cumulabilità del reddito del coniuge superstite con quello del defunto e l’introduzione dell’imposta sostitutiva, pari al 20 %, per i redditi che derivano dalle pensioni di reversibilità’.

Altro nuovo disegno di legge presentato Senato è quello degli onorevoli del Pd Susta e Spillabotte, per l’accesso alla pensione anticipata ai lavoratori con almeno il 60% di invalidità. Il ddl contiene, in particolare, la richiesta di pensione anticipata a partire da questo 2015 per gli invalidi per qualsiasi causa, cui è stata riconosciuta un’invalidità superiore al 60%. L’acceso al prepensionamento sarebbe possibile se il lavoratore ritenuto invalido abbia maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni e di un’età pari o superiore a 57 anni per i lavoratori dipendenti e a 58 anni per i lavoratori autonomi. Sembra, invece, avviarsi al no la proposta di staffetta generazione che avrebbe dovuto essere contenuta nella riforma della P.A., valida per gli statali ma con possibilità di estensione anche ai lavoratori privati, in modo da evitare eventuali discriminazioni.

Nuove proposte di intervento sulle pensioni riguardano anche possibilità di prepensionamento per i cosiddetti lavoratori usuranti, da quelli edili, ai macchinisti, a coloro che hanno avuto a che fare con l’amianto nel corso della loro vita lavorativa. E, sulla scia di quanto proposto da Cesare Damiano, Fedriga di Lega Nord ha invece proposto l’ipotesi di uscita dal lavoro con quota 99 o 100 ma senza l’applicazione di alcuna penalizzazione sull’assegno finale, puntando anche l’attenzione sulla necessità di confermare la proroga dell’opzione contributivo donna. Queste sono le ultime novità in materia di riforma pensioni proposte per eventuali modifiche e mentre sono in discussione, in estate o al massimo con la prossima Manovra Finanziaria, dovrebbero essere invece formalizzare le proposte del presidente Inps Boeri, tra prepensionamenti e pensioni più leggere, ricalcolo contributivo e reddito minimo, e del ministro del Lavoro Poletti, tra assegno universale, maggiore flessibilità e soluzione esodati.

Si tratta, tuttavia, di novità che non fanno altro che rendere il quadro pensionistico attuale sempre più confuso, considerando che prima di studiare queste proposte sarà necessario provvedere a chiudere le discussioni sui piani di uscita anticipata già sul tavolo da tempo e ancora senza risposta, dalla proposta di uscita a quota 100 di Damiano con penalizzazioni, al prestito pensionistico, alla possibilità di estensione del sistema contributivo per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il