BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità proposte Nencini, Squinzi, Bobba, Fedriga, Boeri, Damiano

Per rimettere in piedi l’Italia non bastano le novità della riforma del Lavoro ma servono anche interventi sulla riforma pensioni Fornero: le ultime novità




Per rimettere in piedi l’Italia non bastano le novità della riforma del Lavoro e le nuove norme del Jobs Act ma è necessario intervenire anche sulle pensioni, dandone nuova spinta tanto alle pensioni minime, con nuovi aumenti, tanto ad una maggiore flessibilità in uscita. A sostenerlo il presidente di Confindustria Squinzi, secondo cui è fondamentale che il governo porti avanti tutte le varie riforme, per rendere il paese più competitivo, ricordando che senza la crescita le pensioni saranno insufficienti, così come il lavoro.

La deputata Pd Gnecchi punta soprattutto ad ottenere risposte concrete dal governo sulla proroga dell’opzione contributivo donna e soluzioni per gli usuranti, come macchinisti ed edili, decisamente penalizzati dalla riforma pensioni Fornero. Del tutto diversa, invece, la posizione del presidente dell’Inps, Tito Boeri, che, tra ricalcolo contributivo, reddito minimo e uscita anticipata a fronte di pensioni più leggere, apre ad un nuovo incontro con i sindacati. Il segretario del Psi Nencini ribadisce al governo la necessità di garantire un aumento delle pensioni minime, applicando una maggiore tassazione sul gioco d’azzardo e a carico dei concessionari di slot machine.

Maggiore flessibilità in uscita è l’obiettivo rilanciato dal presidente della Commissione Lavoro Cesare Damiano che torna a puntare su uscita a quota 100 o uscita anticipata a 62 anni di età e 35 di contributi e penalizzazioni, con soluzioni specifiche per chi si ritrova senza lavoro alle soglie della pensione. Fedriga della Lega Nord è pronto invece a presentare un ddl complementare a quello Damiano, con piani di uscita con quota 99 o 100 e a spingere sull’opzione donna, con l’estensione fino al 31 dicembre 2018 della possibilità di uscita anticipata con questo sistema.

Il deputato Bobba spinge invece ad intervenire sulle pensioni di reversibilità, tutelando il coniuge superstite, che magari si ritrova in forti difficoltà dopo la scomparsa del congiunto. Dalla parte di interventi pensionistici e maggiore flessibilità anche Renata Polverini di Forza Italia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il