BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, precoci riforma Governo Renzi: novità quota 100, contributivo, Mini pensione in questi ultimi giorni

Intervenire con modifiche al sistema pensionistico italiano, garantire a tutti un reddito minimo e la possibilità di uscita anticipata: come potrebbe cambiare le riforma pensioni. Novità




Intervenire con modifiche al sistema pensionistico italiano, garantire a tutti un reddito minimo e la possibilità di uscita anticipata, a fronte di penalizzazioni per il lavoratore che decide di andare in pensione prima. Le novità e ultime notizie sulle modifiche tanto auspicate alla riforma pensioni Fornero continuano ad essere tante ma poco concrete. Mentre, infatti, il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha avviato una sorta di operazione trasparenza su conti e situazione dell’Istituto, segno che qualcosa sta davvero cambiando, resta ancora incerto il futuro della maggiore flessibilità richiesta da tutti.

E’ vero che il governo Renzi ha annunciato da tempo di essere pronto a intervenire con piani di uscita anticipata ma è anche vero che ormai è più di un anno che se ne discute senza arrivare ad alcuna approvazione concreta. Diverse le ipotesi in discussione che permetterebbero non soltanto di andare in pensione prima ai lavoratori più anziani, ma risparmi, possibili da accumulare nel lungo periodo, e rilancio occupazionale, giacchè permettere l’uscita anticipata ai lavoratori più anziani lascerebbe posti di lavoro ai più giovani.

E in ballo ci sono ancora l’uscita con quota 100 con penalizzazioni proposto da Cesare Damiano, sostenuta dai sindacati ma non tanto da altri partiti politici; di prestito pensionistico o mini pensione, di estensione del sistema contributivo per tutti. Proprio per agire in questa direzione, il presidente Boeri ha annunciato un nuovo incontro con i sindacati, e il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha nuovamente lasciato intendere che, dopo le prime probabili misure che dovremmo vedere con decreto previdenziale o decreto povertà entro l’estate, la prossima Legge di Stabilità potrebbe invece contenere interventi flessibili.

Ma resta da vedere cosa effettivamente fino ad allora il governo sarà in grado di fare e se effettivamente vi lavorerà, considerando che anche la scorsa Manovra, com’era stato detto, avrebbe dovuto interventi pensionistici che, invece, non sono arrivati.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il