BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: problemi ed errori potrebbero essere numerosi. Chi paga se si sbaglia. Polizze commercialisti, Caf

Come immaginabile, inizia a creare qualche timore l’invio del nuovo modello 730 precompilato: quali i problemi per eventuali sanzioni e chi colpirebbero




Come immaginabile, inizia a creare qualche timore l’invio del nuovo modello 730 precompilato, non solo per il nuovo processo telematico cui dovranno abituarsi i contribuenti per visualizzare e scaricare il proprio modello di dichiarazione dei redditi ma anche a causa di controlli e sanzioni che peseranno tanto sui contribuenti privati che su Caf e commercialisti. Vediamo, nel dettaglio, che succede quest’anno per quanto riguarda i controlli sui modelli delle dichiarazioni dei redditi su soggetti che presenteranno il 730.

Se per l’elaborazione del modello 730 precompilato è stata presentata la nuova Certificazione Unica da parte di Consulenti del Lavoro e sostituti di imposta, agevolando così la compilazione del modello da parte dei contribuenti che non avranno oneri di compilazione, meno vantaggiosa è la situazione per eventuali controlli che saranno attuati al fine di controllare che il 730 sia stato debitamente compilato con tutti i dati e le informazioni necessarie.

Il contribuente che presenta il 730 precompilato sarà soggetto al vantaggio di controlli minori: se, infatti, il 730 precompilato viene presentato senza effettuare modifiche, direttamente dal contribuente, non saranno effettuati i controlli documentali sulle spese legate ai mutui fondiari e agrari, le spese legate alle assicurazioni e agli enti previdenziali. Nel caso in cui, invece, a presentare il 730 precompilato, con o senza modifiche, sono Caf o un professionista abilitato, i controlli documentali saranno effettuati proprio nei confronti dei professionisti, che dovranno conservare tutta la documentazione dei contribuenti.

Considerando la responsabilità di cui sono gravati, commercialisti, professionisti abilitati e Caf lavorano per trovare una polizza che copra i nuovi rischi per i 730 cosiddetti infedeli e, se non potranno contare su apposite polizze, potrebbero rifiutarsi di apporre il visto sui 730, tanto che si parla di rischio per l'intera operazione precompilata. Intanto, proprio per loro l’Agenzia delle Entrate ha dato il via alla sottoscrizione delle polizze per la copertura della responsabilità civile per danni sulla conformità per il 730 precompilato da parte di professionisti abilitati e Caf, precisando che gli importi dovuti da questi ultimi in caso di errore hanno natura risarcitoria e non sanzionaroria.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il