BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: non è affatto così scontato il piano e calendario interventi seppur annunciato

Da settimane si continua a discutere di questione previdenziale e nuovi interventi necessari per modificare la riforma pensioni Fornero: piani annunciati e iter




Da settimane si continua a discutere di questione previdenziale e nuovi interventi necessari per modificare la riforma pensioni Fornero e sembrava arrivato una sorta di calendario che dovrebbe prevedere i primi interventi con riforma della P.A. e riforma del Lavoro, altri  interventi con decreto previdenziale e decreto povertà, e dopo l’estate ancora novità con la nuova Legge di Stabilità. Ma secondo le ultime notizie, questo calendario non è poi così scontato. Ma andiamo con ordine: il primo passo previsto è la riforma della Pubblica Amministrazione attesa in Aula presto, ma al momento non arrivano segnali incoraggianti per quanto riguarda possibili interventi su prepensionamenti. Attesa poi l’ufficialità della nomina di Yoram Gutgeld come nuova commissario della spending review e l’avvio dei lavori pensionistici con il presidente dell’Inps, Tito Boeri.

Intanto, si attendono i prossimi incontri, annunciati, tra Boeri e ministro del Lavoro Poletti, e ministro dell’Economia Padoan e Poletti e Boeri, e il presidente dell’Inps ha annunciato prima un incontro con i sindacati; proseguono i lavori parlamentari, con la discussione di piani di flessibilità, anche se la seduta è al momento è stata rinviata a data da destinarsi e Cesare Damiano ha annunciato che presto inizieranno le audizioni; e proseguono anche il lavoro per il terzo disegno legge delega della riforma del lavoro che dovrebbe prevedere il salario minimo per tutti.

Anche in tal senso, però, si nutrono parecchi timori che tutto si risolva con un nulla di fatto, vista la cancellazione di due leggi che sembravano scontate ma che ancora non sono arrivate in Parlamento. Il Consiglio dei Ministri ha, infatti, approvato due provvedimenti, quello che correggeva alcune regole sulla maternità e quello per il passaggio di contratti precari in contratti a tempo indeterminato, ma in Parlamento, dove si attende il parere delle commissioni Lavoro, non è ancora arrivato nulla e sembra che i due testi siano ancora bloccati.

E in estate si attendono, invece, decreto previdenziale, che dovrebbe contenere modifiche a baby pensioni e pensioni in validità e di reversibilità; e decreto povertà, che dovrebbe invece contenere quell’assegno universale annunciato dal ministro del Lavoro Poletti, mentre per quanto riguarda piani di uscita anticipata e flessibile bisognerà aspettare la prossima Legge di Stabilità, anche se anche in tal caso non è semplice che tutto si risolva come ci si auspica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il