BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: come fare tutto da soli o online. Pin, quanto si paga, congiunto, obbligo, esonero. Tutte le risposte

Manca ormai poco al debutto del nuovo modello 730 precompilato e sono ancora tanti i dubbi che i contribuenti nutrono: nuovi chiarimenti e spiegazioni




Manca ormai poco al debutto del nuovo modello 730 precompilato e sono ancora tanti i dubbi che i contribuenti nutrono. Ecco allora le risposte alle domande più comunemente fatte sulla nuova modalità di dichiarazione dei redditi. Innanzitutto chiariamo il fatto che ad inviare dal prossimo 15 aprile il nuovo 730 precompilato in via esclusivamente telematica sarà l’Agenzia delle Entrate, il che significa che il modello potrà essere visualizzato, scaricato, ed eventualmente modificato con integrazioni o correzioni accedendo proprio al sito internet delle Entrate. Per farlo si dovrà avere codice Pin che si può richiedere in qualsiasi momento nella sezione Fisconline/Entratel attraverso l’inserimento del proprio Codice Fiscale e dei Redditi percepiti nell’ultima dichiarazione dei redditi.

Una volta entrati nell’apposita sezione, si potrà visualizzare il proprio modello 730 precompilato, verificare che siano stati inseriti dati e informazioni corrette e nel caso di errori o mancanze si potrà procedere ad eventuali correzioni, modifiche o integrazioni. E’ importante sottolineare, a tal proposito, che per esempio quest’anno non sono state automaticamente alcune spese, come quelle sanitarie o quelle sostenute per l’istruzione dei propri figli, per cui chi le avesse sostenute e avesse conservato documenti necessari ad attestare i loro pagamenti dovrà certamente inserirle. Il modello 730 precompilato potrà essere scaricato e modificato o direttamente dal contribuente semplicemente online o ci si potrà rivolgere anche a Caf, commercialisti o altri professionisti abilitati che aiuteranno il contribuente al corretto invio del modello.

E’ possibile accedere al proprio 730 precompilato anche tramite il portale dell'Inps, utilizzando le credenziali rilasciate dall'ente previdenziale. Per chi lo scorso anno ha presentato il modello 730 congiunto e quest'anno può utilizzare il 730 precompilato, l'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile anche una dichiarazione precompilata singola. Si può tuttavia presentare la dichiarazione in forma congiunta ma per farlo bisogna rivolgersi al proprio sostituto, ad un Caf o ad un altro professionista abilitato, perché per il primo anno di avvio sperimentale non si può presentare la dichiarazione precompilata congiunta direttamente in via telematica.

Le Entrate hanno inoltre precisato che se il contribuente non ha dimestichezza con il web o incontra difficoltà, per accedere alla propria dichiarazione si potrà rivolgere ancora a Caf o altri professionisti abilitati purché con una delega ufficiale. Chi presenta il 730 precompilato così come ricevuto, senza effettuare modifiche, direttamente dal contribuente o tramite sostituto d’imposta, non saranno effettuati i controlli documentali sulle spese legate ai mutui fondiari e agrari, le spese legate alle assicurazioni e agli enti previdenziali.

Se, invece, il 730 precompilato viene presentato, con o senza modifiche, al Caf o al professionista abilitato, i controlli documentali saranno effettuati nei confronti dei professionisti, che dovranno conservare tutta la documentazione dei contribuenti. Ovviamente, rivolgersi a Caf o commercialisti comporterà un costo e in ogni caso, che si proceda cioè da soli al nuovo invio del modello o tramite professionista abilitato, il 730 precompilato in versione ufficiale dovrà essere inviato alle Entrate dal primo al sette luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il