BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: prepensionamenti dipendenti province ufficiale o quasi. Per tutti,come interpretare

Nuovo decreto enti locali in arrivo e prepensionamenti per i dipendenti delle Province in esubero: le novità possibili e cosa potrebbe cambiare anche per i privati




Fino a qualche giorno fa sembrava che il piano di uscita anticipata con staffetta generazionale inserito nella riforma della P.A. si avviasse a ricevere un sonoro no, ma secondo le novità e ultime notizie, le misure della nuova riforma della Pubblica Amministrazione potrebbero effettivamente prevedere forme di prepensionamento per i dipendenti statali. Nel decreto enti locali, che dovrebbe essere in discussione i primi di aprile, dovrebbe, infatti, rientrare anche la questione Province, che dovrebbe sciogliere il nodo del futuro dei dipendenti in esubero. Si era già parlato di questo decreto, poi bloccato, ma per cui ora è necessario andare avanti per dare risposte certe di dipendenti.

E ci sono già esempi di prepensionamenti dei dipendenti in esubero,basta vedere ciò che ha deciso la Toscana, già avanti con i piani di uscita anticipata. Sarebbero, infatti, 48 i dipendenti della Provincia di Lucca n sovrannumero che andranno in pensione entro il 31 dicembre 2016 con i requisiti anagrafici e contributivi in vigore prima dell’arrivo della riforma pensioni Fornero. Si tratta di un primo passo formale di riorganizzazione del personale dipendente della Provincia, in virtù dell’entrata in vigore del decreto Del Rio sul riordino delle Province.

Il presidente della Provincia, Stefano Baccelli, ha spiegato che “L’obiettivo è di trovare una soluzione ai dipendenti che hanno i requisiti per il collocamento a riposo e al tempo stesso di ‘alleggerire’ la posizione dei dipendenti che rimarranno. Al tempo stesso l’operazione ci consente di risparmiare sul costo del personale per una cifra calcolata intorno ad 1 milione e 500 mila euro, a regime, ossia a fine 2016”.

I 48 dipendenti provinciali interessati dai prepensionamenti avranno un trattamento pensionistico calcolato sulla base dell’anzianità contributiva maturata alla data del collocamento a riposo. Ma Lucca non è l’unico caso in cui vi sono prepensionamenti avviati. Anche a la Provincia di Benevento ha dato il via al prepensionamento di 39 dipendenti in esubero. Anche in questo caso l’uscita dal lavoro sarà dettata dal raggiungimento dei requisiti pensionistici pre legge Fornero. Seguendo gli esempi di Lucca e Benevento, in applicazione della nuova riforma Delrio, dovrebbero essere almeno 5mila i dipendenti delle Province in esubero che si potranno avviare al prepensionamento, cosa che aprirebbe nuovi spiragli di modifica pensionistica per tutti.

I prepensionamenti nella P.A. potrebbero, infatti, rappresentare un primo passo verso il cambiamento tanto richiesto al sistema pensionistico importante e proprio quando, nonostante l’apertissimo dibattito previdenziale, tutto sembra concretamente bloccato. Dare avvio ai prepensionamenti per gli statali significa infatti possibilità di estensione necessaria di tale sistema anche ai privati, nonostante le difficoltà che potrebbero esserci, ma per evitare che si creino discriminazioni e futuri ricorsi, che farebbero sprofondare nuovamente nel caos più totale. Questo il motivo per cui alla luce di tale necessità la cosa giusta da fare sarebbe mettere a punto quella soluzione universale per tutti, come era stata annunciata dal ministro del Lavoro Poletti, che oltre a garantire flessibilità e tutti contribuirebbe anche a risolvere definitivamente la questione esodati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il