BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità con Pil che sale meno attese conseguenze su diversi aspetti

Senza la ripresa economica si bloccano alcune misure contenute nella legge di stabilità e sparisce dal radar della politica la riforma pensioni.




Il PIL in Italia cresce meno del previsto e di conseguenza si stringono gli spazi di manovra per la riforma pensioni. Da tempo, infatti, le ultime notizie riferiscono come senza la ripresa economica del Paese sarà impossibile mettere le mani sulla previdenza in Italia. In realtà, c'è anche un'ala molto nutrita di opinionisti ed esperti del settore che fa notare come la sostanziale inerzia nel percorso delle pensioni vada cercata in motivazioni di carattere politico. Mettere mano alle pensioni è da sempre un'operazione elettoralmente molto rischiosa che rischia di scontentare tutti e di andare contro le indicazioni di Bruxelles.

Secondo il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, da sempre scettico rispetto all'opportunità di cambiare la legge Fornero, "la fiducia in Italia si sta consolidando, mantiene la fiducia dei mercati e delle istituzioni europee", ma tornare alla situazione pre-crisi economica "non sarà affatto e nemmeno auspicabile". Anche Confindustria vede ormai la ripresa a portata di mano: stima l'uscita definitiva dalla recessione nel primo trimestre di quest'anno, con una crescita del PIL dello 0,2% e un miglioramento dell'occupazione. Per il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, "la nave sta davvero virando" e anche per il nostro Paese si sta aprendo quella che Padoan definisce "una importante finestra di opportunità".

Tale che nel prossimo Def, entro il 10 aprile, il governo rivedrà al rialzo le stime di crescita per il 2015. Il Documento di economia e finanza traccia la politica economica e di bilancio del prossimo triennio, indicando per ciascun anno gli obiettivi di deficit e debito. Include il Piano nazionale delle riforme e, con questo, è sottoposto alle valutazioni della Unione Europea. Sarà questo lo strumento per definire le basi della riforma pensioni?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il