BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero metropolitana, treni, bus Milano, Torino, Roma, Napoli lunedì 30 Marzo 2015. Informazioni, orari, fasce garantite

Sarà una giornata complicata quella di Lunedì 30 Marzo, per i pendolari di tutta Italia. Molti sono, infatti, gli scioperi proclamati con modalità diverse, dai lavoratori del trasporto pubblico.




Lunedì 30 Marzo si avvicina e già i pendolari di tutta Italia sono molto preoccupati. Diverse saranno infatti, le astensioni dei lavoratori addetti al trasporto pubblico in molte città d’Italia. Le motivazioni della protesta sono varie, e così anche le modalità di astensione dal lavoro che varieranno da città a città.

La situazione di Milano sembra, a prima vista, la meno complicata nel panorama generale di agitazioni. I lavoratori dell’Azienda Trasporti milanese si bloccheranno solamente dalle 18 alle 22. L’astensione non interesserà, per questo motivo, la fascia più affollata (quella mattutina) e si prevedono pochi disagi per pendolari e studenti. I motivi dello sciopero sono da ricercarsi, questa volta, dagli ennesimi sacrifici chiesti ai lavoratori dal Sindaco in occasione dell’Expo 2015. I sindacati hanno fatto sapere di essere pronti anche nel futuro a incrociare le braccia, le prossime volte con modalità diverse.

A Roma invece ci saranno due fasce orarie garantite (da inizio servizio fino alle 8.30 e dalle 17.00 alle 20.00). La scelta dei dipendenti della capitale è di portare il maggior disagio possibile, e a differenza di Milano molte saranno le difficoltà per i tanti pendolari. Le corse saranno garantite con il rispetto della fascia di garanzia, L’agitazione interessa tutti i comparti del trasporto, compresa la metropolitana e le ferrovie regionali. (la linea che collega Roma con i paesi limitrofi)

Anche i lavoratori di Napoli incroceranno le braccia, il sindacato di categoria partenopeo ha deciso di eseguire, infatti, la protesta dalle 8.00 alle 14.30. al di fuori di questi orari saranno garantiti i normali servizi, anche in questo caso non è prevista una fascia di garanzia essendo le ore di sciopero al di fuori degli orari "problematici".

I pendolari sperano ancora nella decisione del garante, non è la prima volta infatti, che gli scioperi sono stati abbandonati perché causavano troppi disagi. In caso contrario l'adesione si prevede massiccia, come massicci saranno i disagi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il