BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: raccolta firme e nuove iniziative popolari per cambiare leggi

Dopo la bocciatura della proposta di referendum abrogativo della Legge nuove iniziative per cancellare e modificare riforma pensioni Fornero. Cosa prevedono




Dopo la bocciatura della proposta di referendum abrogativo presentata dalla Lega che chiedeva la totale cancellazione della riforma pensioni Fornero e il ripristino delle vecchie norme pensionistiche, dopo il referendum lanciato dal Movimento 5 Stelle che vuole l’uscita dell’Italia dall’Ue ma di cui non si parla più, arrivano nuove iniziative popolari che mirano ad intervenire sul sistema pensionistico attuale.

Tra le novità e ultime notizie, l’iniziativa della Federazione Confsal Unsa di una raccolta di firme che chiede, ancora una volta, di cancellare con un disegno di legge popolare la legge pensionistica Fornero, che “rappresenta una vera e propria vergogna nazionale”, come ha precisato Massimo Battaglia, segretario generale della Federazione Confsal Unsa.

Considerando che le legge pensionistica attuale impone requisiti già rigidi e prevede un costante innalzamento dell’età per il pensionamento che dovrebbe gradualmente arrivare a 70 anni, la Confsal Unsa, dopo aver già aderito al referendum della Lega poi bocciato dalla Corte Costituzionale, si lancia in una nuova iniziativa popolare, in risposta agli interventi da sempre annunciati ma ancora non messi in pratica dal governo per modificare una legge pensionistica che evidentemente sta creando non pochi problemi.

Questa iniziativa è accompagnata da una nuova raccolta firme avviata anche in Campania per una proposta di legge che prevede l'erogazione di un bonus da 1000 euro annui per lavoratori e pensionati. Questa nuova proposta rientra nel progetto di legge di iniziativa popolare della Cisl, che propone anche l’istituzione di un tetto massimo complessivo di tassazione (nazionale e locale); una rimodulazione della tassazione sugli immobili con un’esenzione totale per la prima casa; e una lotta più serrata all’evasione fiscale accompagnata da un’operazione redistributiva della ricchezza, con una tassazione più elevate sulle grandi ricchezze finanziarie e immobiliari, nonché un Nuovo Assegno Familiare (NAF) a sostegno delle famiglie costrette a vivere in grande difficoltà economica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il