Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità quota 100, prestito, Mini pensione in finanziaria.Ora difficili

Prossimi interventi pensioni in nuova Manovra finanziaria ma solo a determinate condizioni: situazione, problemi e andamento economia. Le novità

Pensioni anzianità, donne, vecchiaia rif


Nuovi interventi sulla riforma pensioni Fornero probabilmente nella prossima Manovra Finanziaria e ad annunciarli, ancora una volta, il ministro del Lavoro Poletti, he ha anche precisato come se ne inizierà a parlare già prima dell'estate. Al momento l’ipotesi più plausibile è quella di concedere una maggiore flessibilità in uscita a fronte di un assegno più basso, come proposto dal presidente dell’Inps, Tito Boeri.

Il ministro Poletti ha anche precisato che sono al vaglio soluzioni ad hoc per chi perde il lavoro senza avere i requisiti necessari per andare in pensione. L’ipotesi è quella di ammortizzatore sociale specifico o una soluzione ponte che li possa accompagnare fino al pensionamento.

Idee ben chiare e definite, dunque, ma non così scontato che siano effettivamente contenute nella prossima Manovra. Del resto, già lo scorso anno proprio il ministro Poletti aveva parlato di novità pensionistiche nella Manovra, misure che poi però sono state rimandate, tanto che nulla è stato fatto ancora finora di concreto sull’approvazione di quei sistemi come prestito pensionistico, uscita a quota 100 o a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni, estensione del sistema contributivo per tutti, che dovrebbero permettere ai lavoratori che lo desiderassero di andare in pensione prima rispetto ai 66 anni oggi fissati.

Perché effettivamente qualcosa di nuovo arrivi con la Manovra di ottobre è innanzitutto necessario che la ripresa economica si assesti su livelli importanti e per ora così non è. Solo qualche giorno fa infatti il Centro studi di Confindustria ha comunicato un rialzo del Pil ma non come previsto, inferiore, dunque alle stime, e se il governo non dovesse riuscire a diminuire il deficit, non ci saranno quelle condizioni tali da permettere l’abbassamento dell’età pensionabile per tutti. E al contrario, scatterebbero misure da cui recuperare nuove risorse, come l’aumento automatico dell’Iva, per cui l’aliquota oggi al 10% salirebbe al 12 nel 2016 e al 13 l’anno successivo mentre quella del 22% salirebbe in due anni al 25%.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il