BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: come fare avere PIN,scaricare modello online.Istruzioni, regole. Controlli semplificati,rimborsi più veloci

Mancano ancora due settimane all’invio a tutti i contribuenti del modello 730 precompilato 2015: come scaricalo online, vantaggi ma problemi con Pin




Mancano ancora due settimane all’invio a tutti i contribuenti che solitamente presentano la dichiarazione dei redditi con modello 730 del nuovo modello precompilato 2015: dal prossimo 15 aprile, infatti, l’Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare il modello esclusivamente online a circa 20 milioni di contribuenti tra pensionati e lavoratori dipendenti.

Dunque, per visualizzare la propria dichiarazione dei redditi bisognerà scaricare il 730 precompilato dal sito delle Entrate, accedendo alla sezione Fisconline. Questo percorso telematico sta comunque già creando difficoltà soprattutto ad anziani pensionati e a coloro che non hanno poi così tanta dimestichezza con l’uso di Internet. In questi casi, rassicura la stessa Agenzia delle Entrate, ci può, come di consueto, rivolgere a Caf, commercialisti e altri professionisti abilitati e richiedere il modello 730 in formato cartaceo.

Chi, invece, in autonomia deciderà di scaricare il proprio 730 dal sito dell’Agenzia delle Entrate dovrà essere in possesso di credenziali e Pin richiesto che, nel caso non lo si possedesse, si potrà richiedere o direttamente su sito dell’Agenzia, o telefonando al numero 848.800.444, o rivolgendosi agli uffici territoriali delle Entrate.

Si riceverà, dunque, la prima parte del Pin, mentre per la seconda parte bisognerà aspettare 15 giorni e lo si riceverà online, permettendo così al contribuente di scaricare la propria dichiarazione dei redditi. Una volta scaricata, si potrà controllare per capire se sarà necessario apportare modifiche o integrazioni in modo tale che la dichiarazione dei propri redditi risulti fedele.

Se si procede al controllo del proprio 730 online in modo autonomo e lo si reinvia alle Entrate (ricordiamo che la scadenza in ogni caso è fissata al prossimo 7 luglio), con o senza modifiche, non si sarà soggetti a controlli documentali, alleggerendo così i timori fiscali dei contribuenti,, e saranno inoltre velocizzate le procedure di rimborsi vari,mentre se controllo, modifiche e integrazioni saranno affidate a Caf o commercialisti che poi provvederanno all’invio del modello, sempre entro il 7 luglio, i controlli saranno effettuati nei confronti dei professionisti abilitati che hanno apportato il loro visto di conformità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il