BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: riforma con rimpasto ministri conseguenze quota 100, Mini Pensioni, contributivo possibili

Le ultime notizie sulla riforma pensioni passano anche dai nuovi equilibri nel governo in seguito al rimpasto di ministri e sottosegretari.




Quali novità per la riforma pensioni Renzi dal rimpasto di governo? La novità è rappresentata dalla scelta di Graziano alla guida del Ministero delle Infrastrutture. Sostituisce Maurizio Lupi, dimessosi dopo le polemiche sull'inchiesta sulle Grandi opere. Delrio lascia il posto da sottosegretario alla presidenza del Consiglio, un'altra delle partite aperte e che, per la vicinanza della figura al premier, potrebbe determinare la maggiore sensibilità rispetto alla questione previdenziale.

Le ipotesi sul tavolo delle discussioni sono note. Potrebbe quindi essere rispolverata la proposta del ponte previdenziale formulata dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, con cui dare ai lavoratori disoccupati oltre i 55 anni la possibilità dell'uscita anticipata grazie al prestito concesso da Stato e aziende. Altra soluzione su cui si ragiona da tempo è l'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, quale tetto da raggiungere per il congedo definitivo. Sul tavolo del confronto c'è anche l'ipotesi di allargare ai lavoratori in attività la possibilità di calcolo dell'assegno previdenziale con il metodo contributivo così da consentire un risparmio economico allo Stato e favorire il ricambio generazionale.

Fra i nomi che circolano in queste ultime ore per l'occupazione della poltrona di sottosegretario ci sono quelli di Ettore Rosato, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico; Giorgio Tonini, senatore del PD; Claudio De Vincenti, viceministro allo Sviluppo Economico. Occorre tenere naturalmente conto degli equilibri fra le varie forze che sostengono l'esecutivo. I ministri sono attualmente 15: dopo le dimissioni di Maria Carmela Lanzetta c'è da attribuire il dicastero degli Affari Regionali, che dovrebbe essere affidato al Nuovo Centrodestra.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il