BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato online: come fare, istruzioni ufficiali seppur con Caf e modello cartaceo sarà il numero più alto

La maggior parte dei contribuenti inizia a rivolgersi a Caf e professionisti abilitati per il 730 2015: troppe difficoltà per nuovo modello online precompilato




L’invio online del nuovo modello 730 precompilato che l’Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare dal prossimo 15 aprile sta già creando diversi problemi soprattutto ai più anziani pensionati che non hanno dimestichezza nell’uso di Internet ma anche a coloro che incontrano problemi, senza considerare l’iter per richiedere il Pin di accesso alla sezione Fisconline e i tempi che servono, basti pensare che su circa 20 milioni di contribuenti che riceveranno il modello 730 precompilato, solo il 2,5% ha il codice per accedere ai servizi.

E così la maggior parte dei contribuenti inizia già ad affollare i Caf per richiedere il proprio modello di dichiarazione dei redditi in formato cartaceo. Eppure, nonostante problemi e difficoltà denunciati anche dai più esperti come un professore universitario che su lavoce.info ha detto di aver impiegato solo per leggere le informazioni preliminari, seguendo le istruzioni potrebbe diventare facile scaricare il nuovo 730 precompilato anche online.

Per scaricare il nuovo 730 precompilato bisogna andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate, inserire le proprie credenziali e il Pin e accedere alla propria dichiarazione dei redditi che potrà essere stampata, visualizzata ed eventualmente corretta o integrata con le informazioni mancanti. Per richiedere il Pin, nel caso in cui non lo si avesse, bisogna andare sul sito www.agenziaentrate.gov.it, telefonare al numero 848.800.444 o agli uffici territoriali delle Entrate, e si riceverà la prima parte del Pin.

La seconda parte sarà inviata online in 15 giorni. Ma, per avere la propria dichiarazione dei redditi precompilata, si può anche accedere tramite sito Inps, inserendo le proprie credenziali Inps, e si verrà rimandati al sito delle Entrate.  Il 730 precompilato conterrà buona parte dei dati che servono per definire la dichiarazione dei redditi dei contribuenti interessati, dai redditi da lavoro e pensione, alle spese per mutui, contratti d’affitto, sui premi assicurativi e contributi previdenziali, compravendite di immobili e tutte le altre informazioni che il Fisco già possiede all’interno delle sue banche dati. A chi serve, dovrà integrare la dichiarazione eventualmente con spese sanitarie sostenute e documentate o spese sostenute per l’istruzione dei propri figlie, che per quest’anno non vengono inserite nel modello precompilato.

Il vantaggio di scaricare e provvedere alle modifiche del proprio 730 precompilato da reinviare poi alle Entrate, dal primo al 7 luglio, è che il contribuente che lo farà autonomamente direttamente online, senza effettuare modifiche o con modifiche non rilevanti ai fini dei redditi dichiarati, non sarà soggetto a controlli documentali sulle spese legate ai mutui fondiari e agrari, le spese legate alle assicurazioni e agli enti previdenziali. Se, invece, la dichiarazione viene inviata, con o senza modifiche, da Caf o altri professionisti abilitati, i controlli scatteranno nei confronti dell’intermediario che, in caso di errore, sarà soggetto non solo alle sanzioni e agli interessi previsti, come succedeva fino allo scorso anno, ma anche al pagamento della relativa imposta e questo sta portando Caf e professionisti ad aumentare i costi delle loro parcelle il che significherà un onere in più per i contribuenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il