BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato online: come funziona. Domande e risposte

Domande e risposte che chiariscono dubbi e procedura per scaricare il nuovo modello 730 precompilato online: tutto quello che c’è da fare




Inizia il conto alla rovescia per i primi invii da parte dell'Agenzia delle Entrate a circa 20 milioni di contribuenti. Cerchiamo qui di seguito di chiarire cosa dovranno fare i contribuenti per scaricare e visualizzare online il nuovo 730 precompilato 2015.

Quando l’Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare il modello 730 precompilato 2015?

L’invio online del nuovo modello 730 precompilato inizierà ad essere inviato dall’Agenzia delle Entrate dal prossimo 15 aprile.

Chi riceverà il nuovo 730 precompilato?

Il nuovo 730 precompilato 2015 sarà inviato a lavoratori dipendenti e assimilati e pensionati.

Come si scarica il modello online?

Per scaricare il 730 precompilato online bisogna andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate, inserire le proprie credenziali e il Pin e si potrà così visualizzare la propria dichiarazione dei redditi che potrà essere stampata, ed eventualmente corretta o integrata con le informazioni mancanti.

Se non si ha il Pin come si può richiedere?

Per richiedere il Pin, nel caso in cui non lo si avesse, bisogna andare sul sito www.agenziaentrate.gov.it, telefonare al numero 848.800.444 o agli uffici territoriali delle Entrate, e si riceverà la prima parte del Pin. La seconda parte sarà inviata online in 15 giorni.

Ci sono strade alternative per accedere al 730 precompilato?

Per avere la propria dichiarazione dei redditi precompilata, si può anche accedere tramite sito Inps, inserendo le proprie credenziali Inps, e si verrà rimandati al sito delle Entrate.  

Quali sono i dati contenuti nel nuovo 730 precompilato?

Il 730 precompilato contiene buona parte dei dati che servono per definire la dichiarazione dei redditi dei contribuenti interessati, dai redditi da lavoro e pensione, alle spese per mutui, contratti d’affitto, sui premi assicurativi e contributi previdenziali, compravendite di immobili e tutte le altre informazioni che il Fisco già possiede all’interno delle sue banche dati. Contiene, inoltre,  dati risultanti dalla dichiarazione dell’anno precedente, quanto abbiamo versato o quale credito non utilizzato ci riportiamo in dichiarazione quest’anno, e le detrazioni spalmabili su più anni, come quelle per le ristrutturazioni edilizie, che avevamo inserito per il 2013 o per gli anni precedenti. L’ Agenzia delle Entrate fornirà inoltre l’elenco dei dati inseriti nella dichiarazione e di quelli che non ha potuto inserire perché non completi o incongruenti.

Cosa manca nel nuovo 730 precompilato?

Il nuovo 730 precompilato non riporta spese sanitarie o spese sostenute per l’istruzione dei propri figli, le spese funebri, l’assegno al coniuge separato. Si tratta di informazioni che per quest’anno dovranno essere integrate, per cui è prevedibile che la maggior dei contribuenti dovranno modificare il 730 precompilato che l’Agenzia delle Entrate invierà.

Cosa fare nel caso di rimborsi?

Per i  rimborsi, sono previste le stesse modalità di tutti gli anni e sono uguali a quelli del 730 ordinario e quando risulta un credito da rimborsare la somma si avrà direttamente dal datore di lavoro dal mese di luglio o dall'ente pensionistico a partire dal mese di agosto o settembre. Per l’anno scorso anche chi non ha il sostituto di imposta può richiedere il rimborso che verrà eseguito direttamente dall’Agenzia delle Entrate, su conto corrente bancario, se indicato, in Posta in contanti ma solo se la somma è inferiore ai mille euro, mentre in caso di importi superiori sarà effettuato tramite vaglia della Banca d’Italia.

Quali sono in vantaggi del 730 precompilato online?

Il vantaggio di scaricare e provvedere alle modifiche del proprio 730 precompilato è che il contribuente che lo farà autonomamente direttamente online, senza effettuare modifiche o con modifiche non rilevanti ai fini dei redditi dichiarati, non sarà soggetto a controlli documentali sulle spese legate ai mutui fondiari e agrari, le spese legate alle assicurazioni e agli enti previdenziali, mentre se la dichiarazione viene inviata, con o senza modifiche, da Caf o altri professionisti abilitati, i controlli scatteranno nei confronti dell’intermediario che, in caso di errore, sarà soggetto alle sanzioni e agli interessi previsti.

Quando deve essere inviato di nuovo il 730 precompilato all’Agenzia delle Entrate?

Il modello 730 precompilato deve essere reinviato modificato o integrato all’Agenzia delle Entrate dal primo maggio ed entro il prossimo 7 luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il