BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità più importanti e fattibili da esecutivo INPS che da politici

A far registare il maggior attivismo nell'ambito della riforma pensioni è l'Inps anziché la politica italiana. Sono Diverse le azioni intraprese.




Riforma pensioni Renzi e riorganizzazione dell'Inps vanno di pari passo. Novità e ultime notizie di una parte sono destinate e influenzare quelle dell'altra. Si tratta di un legame che diventa più forte soprattutto nel caso di partecipazione attiva al dibattito sui cambiamenti da introdurre da parte del presidente del maggiore istituto di previdenza italiano. L'economista Tito Boeri è impegnato in prima battuta a rimettere ordine alla governance e a risistemare i conti. Più in generale sono i piani alti dell'Inps a mostrare un attivismo inedito sia rispetto al passato e sia di parte della politica italiana.

Come sottolineato da Civ (Comitato indirizzo e vigilanza ) Inps anche il bilancio preventivo 2015 evidenzia la tenuta dei conti del sistema previdenziale italiano, nonostante il perdurare della crisi economico finanziaria: "Questa positiva osservazione non consente, tuttavia, di ritenere esauriti i necessari interventi strutturali. Solo questi potranno consentire la piena sostenibilità - anche e soprattutto nel lungo periodo - del sistema previdenziale a garanzia delle aspettative di giovani, lavoratori, pensionati e imprese".

Da segnalare sono poi le reazioni della politica alle recenti decisioni. In particolare ci sono le dichiarazioni del sottosegretario all'Economia, Pier Paolo Baretta, rispetto all'operazione porte aperte lanciata da Tito Boeri: "La trasparenza è uno strumento di democrazia e consente di avere gli elementi per andare a correggere eventuali storture. Bisogna farsi carico delle conseguenze, questo è fuori discussione". Se l'applicazione del contributo di equità proposta possa essere una soluzione, Beretta osserva: "Dipende dalle soglie perché vanno tutelate le pensioni medio-basse. Bisogna intervenire non a tabula rasa ma solo in quelle situazioni in cui sono state percepite pensioni con un valore superiore ai contributi versati".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il