BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: come funziona modello cartaceo da fare con Caf o Commercialisti. Domande e risposte

Tra qualche giorno debutta il nuovo modello 730 precompilato 2015 ma c’è sempre la possibilità di richiedere e presentare la propria dichiarazione dei redditi in formato cartaceo. Chiarimenti e cosa fare




Tra qualche giorno debutta il nuovo modello 730 precompilato 2015 che l’Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare a circa 20 milioni di contribuenti tra dipendenti e pensionati esclusivamente in via telematica e che dovrà essere scaricato sempre dal sito delle Entrate. Nonostante questa novità digitale, resta comunque la possibilità di richiedere la propria dichiarazione dei redditi nel classico formato cartaceo. Vediamo cosa bisogna fare.

A chi si può richiedere il modello 730 in formato cartaceo?

Il classico modello 730 in formato cartaceo si può richiedere a Caf, commercialisti e altri professionisti abilitati per cui quest’anno bisognerà pagare, considerando i tanti adempimenti cui sono chiamati i professionistici.

Chi deve presentare il modello 730?

Presentano il modello 730 per la dichiarazione dei redditi i contribuenti che nel 2014 sono pensionati o lavoratori dipendenti (compresi i lavoratori italiani che operano all'estero per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con apposito decreto ministeriale); persone che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente (es. integrazioni salariali, indennità di mobilità); soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca; sacerdoti della Chiesa cattolica; giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc.); persone impegnate in lavori socialmente utili; lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno; personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato; lavoratori che posseggono solo redditi di collaborazione coordinata e continuativa; produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta, Irap e Iva.

A chi deve essere presentato il Modello 730?

Il Modello 730 può essere presentato al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), a un Caf o a un professionista abilitato (consulente del lavoro, dottore commercialista, ragioniere o perito commerciale). I dipendenti delle amministrazioni dello Stato possono presentare il Modello 730 all’ufficio che svolge le funzioni di sostituto d’imposta (chepuò anche non coincidere con quello di appartenenza).

Quali sono i documenti da presentare a Caf e professionisti abilitati per la compilazione del 730 cartaceo?

Il contribuente deve sempre esibire al Caf o al professionista abilitato la documentazione necessaria per verificare la conformità dei dati riportati nella dichiarazione. La documentazione da esibire comprende certificazioni che documentano le ritenute, quali il Cud 2014; scontrini, ricevute, fatture e quietanze che provano le spese sostenute. Il contribuente non deve esibire i documenti che riguardano le spese deducibili già riconosciute dal sostituto d’imposta quando ha calcolato il reddito. Non deve, inoltre, esibire la documentazione degli oneri detraibili che il sostituto d’imposta ha già considerato quando ha calcolato le imposte e ha effettuato le operazioni di conguaglio, se i documenti sono già in possesso di quest’ultimo. Nel caso di spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie, bisogna presentare i documenti previsti per fruire della detrazione spettante, ad esempio le ricevute dei bonifici bancari o postali, dalle fatture e ricevute fiscali comprovanti le spese sostenute, dalle quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, dagli attestati di versamento delle ritenute operate dal condominio sui compensi dei professionisti, la quietanza rilasciata dal condominio che attesta il pagamento delle spese imputate al singolo condomino. Per gli interventi sulle parti comuni, la documentazione può essere sostituita da una certificazione dell’amministratore di condominio che attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti per fruire della detrazione spettante  e indichi la somma di cui il contribuente può tener conto per la detrazione; dagli attestati di versamento d’imposta eseguiti direttamente dal contribuente con modello F24. In pratica, il contribuente deve esibire tutti i documenti che dimostrano il diritto alle deduzioni e detrazioni richieste in dichiarazione.

Quando deve essere presentato il Modello 730?

Sia nel caso che si tratti del nuovo modello 730 precompilato 2015, sia che si decida di presentare la dichiarazione con modello 730 in classico formato cartaceo, la scadenza di invio è fissata dal primo maggio al 7 sette luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il